“Una scommessa estremamente rischiosa”, “Un jolly”: la stampa internazionale reagisce all’arrivo di Vincent Kompany al Bayern Monaco

“Una scommessa estremamente rischiosa”, “Un jolly”: la stampa internazionale reagisce all’arrivo di Vincent Kompany al Bayern Monaco
“Una scommessa estremamente rischiosa”, “Un jolly”: la stampa internazionale reagisce all’arrivo di Vincent Kompany al Bayern Monaco
-

Vincent Kompany inizierà una sfida completamente nuova nella sua carriera diventando l’allenatore del Bayern Monaco. L’ex Red Devil lascia il Burnley, appena retrocesso in Championship, per firmare un contratto triennale con il club bavarese. L’annuncio è stato ampiamente commentato dalla stampa sportiva europea, dove molti osservatori aspettavano di vedere di cosa fosse capace la Kompany.

“La Kompany ha tre anni per cogliere l’occasione”, abbiamo scritto questo giovedì nei nostri articoli. “Di fronte al rifiuto del candidato ideale scetticismo. »

E in Germania? Nessuna notizia sui giornali per la Kompany, e anche qui da evidenziare i numerosi rifiuti affrontati dal Bayern prima di cadere sul belga. “Dopo aver studiato altre alternative, i direttori sportivi hanno finalmente optato per la Kompany. L’ex difensore del Manchester City ha sicuramente solo due esperienze da allenatore all’Anderlecht e al Burnley, ma è considerato un grande talento”, scrive la Bild. “Per la sua filosofia di gioco volta a controllare il più possibile il gioco, Kompany viene paragonato in Inghilterra a Pep Guardiola del Manchester City[…] Kompany affronta l’arduo compito di partecipare a un importante cambiamento della squadra dopo la prima stagione senza titolo del Monaco dal 2012 e di riportare la squadra in cima alla Bundesliga la prossima stagione. »

“Sa di non essere affatto all’altezza del compito”

“L’ottava scelta può ripristinare l’immagine del Bayern? », chiede la BBC. “Vincent Kompany è il nuovo allenatore del Bayern Monaco. Bisogna quasi dirlo per crederci. Kompany sa che non era affatto all’altezza del compito, ma ora è in missione per riportare un gigante europeo caduto al suo antico splendore. Sarà senza dubbio una delle storie più sensazionali dell’estate, che lascerà il mondo del calcio sbalordito nel vedere come un allenatore retrocesso della Premier League sia riuscito a raggiungere una delle posizioni più prestigiose della disciplina. »

Sempre in Inghilterra, Sky Sports è anche sorpreso di vedere la Kompany catapultata dalla retrocessione a un gigante europeo. Ma proviamo a vedere oltre l’“incredulità” della situazione. “Kompany è vista come una scommessa da fare, un allenatore con un potenziale enorme. Questa scelta evidenzia anche la visione in evoluzione di ciò che rende un allenatore d’élite, un desiderio crescente di guardare oltre i risultati e verso uno stile trasferibile”, prosegue il giornalista sottolineando lo stile a cui può portare il belga, al quale inevitabilmente si ispira Guardiola, già della casa del Monaco.

“Non è una soluzione di riserva”

Quasi ovunque, sia in Francia, Spagna o Italia, questa scelta della Kompany viene descritta semplicemente come una scommessa presa dal Bayern. “È una scommessa estremamente rischiosa”, scrive Marca. “Ha all’attivo solo 191 partite di campionato e avrà il difficile compito di ricostruire il Bayern Monaco. »

“Vista dall’esterno, la scelta del nuovo allenatore è stata accolta con un grosso punto interrogativo. Ma all’interno del club stiamo riflettendo”, insiste la Gazzetta dello Sport. «Attenzione però a non considerarla una soluzione, in mancanza di meglio: il direttore generale Max Eberl aveva infatti appuntato fin dall’inizio il nome di Kompany tra i candidati da valutare. Il Bayern poi era interessato a Xabi Alonso, Nagelsmann, Rangnick e anche Tuchel, ma Kompany è sempre stato considerato un profilo interessante. Non è stata la prima scelta, ma non è nemmeno un nome di riserva o dell’ultimo minuto. Per questo da fuori è considerato un grande punto interrogativo, ma in società siamo sicuri di aver trovato il jolly. »

Sono molti gli interrogativi che circondano questo appuntamento. Tocca a Vincent Kompany dimostrare di essere all’altezza di questa sfida.

-

NEXT Memorial Cup: Owen Beck e gli Spirit si dirigono verso la finale, dominando Moose Jaw 7 a 1