Gli Oilers vogliono ricomporsi dopo una metà di partita più difficile

Gli Oilers vogliono ricomporsi dopo una metà di partita più difficile
Gli Oilers vogliono ricomporsi dopo una metà di partita più difficile
-

(Edmonton) L’allenatore Kris Knoblauch aveva bisogno di qualcuno – chiunque – che si assumesse la responsabilità.


Inserito alle 19:24

Giosuè Clipperton

La stampa canadese

Gli Edmonton Oilers stavano affondando dopo un buon inizio in Gara 3 della finale della Western Conference contro i Dallas Stars di lunedì.

Connor McDavid ha iniziato la partita alla grande, realizzando il primo gol della squadra dell’Alberta prima di segnarne uno. Ha portato la sua squadra in vantaggio per 2-0 nel primo periodo, al termine del quale le Stelle hanno tirato solo tre tiri.

Lo slancio, tuttavia, è cambiato decisamente durante l’intervallo e gli Oilers non sono stati in grado di rispondere rapidamente.

Tutte le combinazioni lanciate da Knoblauch sul ghiaccio non sono riuscite a rallentare le Stelle durante un disastroso allungamento di 10 minuti all’inizio del secondo. Gli ospiti hanno colto l’occasione per concatenare attacchi offensivi.

La linea di McDavid non è riuscita a partire. Leon Draisaitl e le sue ali non hanno fatto meglio, così come la terza e la quarta linea. Prima che se ne rendessero conto, gli Oilers erano in svantaggio per 3-2.

Gli Oilers alla fine hanno ripreso l’orientamento sul ghiaccio per pareggiare la partita 3–3 prima che Jason Robertson completasse la sua tripletta a metà del terzo periodo per le Stelle. Quest’ultimo ha vinto 5-3 portandosi in vantaggio per 2-1 nella serie.

“Ci siamo allontanati dal nostro gioco”, ha detto martedì Knoblauch, che per la prima volta in questa stagione guida una squadra della National Hockey League. Non voglio togliere nulla alle Stelle. Nel secondo periodo hanno giocato molto meglio che nel primo. Ma torno a quello che abbiamo fatto.

“Ci sono cose che non facevamo in seconda elementare e che facevamo in prima. »

Ciò include l’incapacità di fare giocate semplici sulla linea blu degli Oilers e coperture pasticciate nella zona difensiva – una mancanza di attenzione ai dettagli che è emersa in vari momenti questa primavera.

Gli Oilers si sono lasciati sfuggire un vantaggio di 4-1 nella prima partita del secondo turno contro i Vancouver Canucks prima di commettere quasi lo stesso errore con un punteggio di 3-0 durante l’incontro finale.

Poi c’è stata la svolta radicale di lunedì.

“Sono solo piccoli dettagli”, ha affermato Knoblauch, alla vigilia della quarta partita a Edmonton. Per avere successo, questi piccoli dettagli non sono negoziabili. Se vogliamo avere successo, abbiamo bisogno che tutti li facciano ogni volta. »

Gli Oilers non hanno segnato un gol nel terzo periodo di questa serie e sono 0-4 dall’inizio dei playoff quando il tabellone mostra un pareggio dopo 40 minuti di gioco. Così è stato nelle ultime due partite.

“Non abbiamo fatto un buon lavoro nel dare gli ultimi ritocchi alle partite”, ha detto Draisaitl. Questo è solitamente un punto di forza del nostro team. »

Gli Oilers hanno seguito i Canucks per 2-1 in vista di Gara 4 in casa e non hanno intenzione di deviare dal loro piano di gioco.

“Non c’è niente di cui arrabbiarsi, non c’è niente di cui tenere il broncio”, ha detto Hyman. Ci siamo già trovati in questa posizione. Abbiamo una grande opportunità nella quarta partita casalinga per trasformare questa serie in due su tre.

“Questa è la mentalità che dovremmo avere. »

Ma se le cose non vanno come previsto, gli Oilers dovranno trovare una risposta migliore o si ritroveranno sull’orlo del baratro.

-

NEXT Memorial Cup: Owen Beck e gli Spirit si dirigono verso la finale, dominando Moose Jaw 7 a 1