CFL: gli Alouettes non hanno problemi di profondità alle spalle di Cody Fajardo

-

Se c’è una cosa di cui Jason Maas non deve preoccuparsi durante questo ritiro dei Montreal Alouettes, è la posizione di quarterback.

Dietro Cody Fajardo, gli Alouettes sembrano avere una buona profondità con Caleb Evans e David Alexander. Molto bene anche i due in sostituzione di Fajardo – anche lui ottimo – nella vittoria per 30-13 contro i Toronto Argonauts sabato.

Anche l’allenatore Jason Maas è stato molto soddisfatto della prestazione dei suoi quarterback e del suo reparto offensivo in questo incontro, anche se non contro la migliore difesa dell’Argos.

“Bisogna fare punti per vincere ed è quello che abbiamo fatto [samedi], ha detto lunedì dopo l’allenamento di lunedì, al complesso sportivo Claude-Beaulieu di Saint-Jérôme. Abbiamo avuto degli ottimi drive offensivi, incluso un drive da 109 yard, che non è facile da fare contro qualsiasi difesa.

“I nostri tre quarterback hanno guidato l’attacco in modo efficace. La protezione intorno a loro era molto buona. I running back e i ricevitori hanno fatto il loro lavoro. È stato bello vedere l’attacco funzionare in quel modo. Era perfetto? No, c’è sempre spazio per migliorare. Ma dopo dieci giorni in campo è bello scendere in campo e fare punti. »

Con Fajardo (7 su 8, 107 yard, un touchdown), Evans (10 su 15, 94 yard, un touchdown) e Alexander (10 su 12, 89 yard), gli Alouettes hanno forse il miglior trio di quarterback della CFL. I suoi sostenitori di lunga data quasi dimenticano che per molto tempo la squadra di Montreal ha avuto difficoltà a identificare un quarterback titolare.

Questa situazione è stata regolarizzata una volta che Trevor Harris è entrato in carica. Ma a volte era ancora un’avventura alle spalle. Ma ora non è più così.

“Ero molto orgoglioso di ciò che l’attacco ha realizzato dal primo al quarto quarto”, ha detto Fajardo. [Evans et Alexander] ha giocato molto bene. Questa squadra voleva la vittoria e questi due ragazzi hanno potuto mettere in mostra il loro talento. »

Avranno ovviamente l’opportunità di farlo di nuovo venerdì, quando gli Alouettes visiteranno l’Ottawa Rouge et Noir per la loro ultima partita di preseason, alla quale Fajardo, idealmente, non parteciperebbe.

“Dato che giochiamo il giovedì successivo, è molto vicino al verificarsi di un infortunio, anche lieve,” ha detto. In ogni caso la squadra ha altri giocatori da valutare e non è che io abbia bisogno di più ripetizioni per farmi trovare pronto. »

L’anno scorso, Evans ha giocato la posizione di quarterback n. 2 e Alexander, la posizione di n. 3. Da quello che abbiamo visto finora al campo, l’organigramma sembra essere lo stesso.

“Penso di aver fatto buone cose al campo. Ma ci sono cose meno buone in tutto ciò che fai. Ho potuto lavorare su questi aspetti e penso di aver fatto dei buoni passi avanti”, ha analizzato Evans, che sarà alla sua quarta stagione nella CFL, la terza a Montreal.

“Gioco solo a calcio. Devo fare il mio lavoro prima di preoccuparmi di quello degli altri, ha continuato. Non spetta a me valutare le prestazioni. Faccio quello che devo fare; Controllo ciò che posso controllare. »

“Fai le giocate che devi fare e assicurati che le catene progrediscano, senza creare un turnover, cosa che non ho ancora fatto in questo campo”, ha ricordato Alexander, che sarà alla sua guida nella sua terza stagione il circuito di Ambrosie, tutto a Montreal.

“Posso solo continuare a fare quello che ho fatto finora. Non posso essere insoddisfatto della partita giocata sabato e del ritiro svolto finora. Devo assicurarmi di leggere bene le giocate e di trovare i miei bersagli non marcati; essere un buon leader quando posso farlo. Sono in costante comunicazione con Cody e Coach Maas. »

Evans e Alexander, entrambi 25enni, giocheranno il loro ultimo anno di contratto nel 2024. Fajardo tornerà sicuramente nel 2025 e ci sarà un solo quarterback numero 2. Alexander accetterebbe di tornare in questo ruolo?

“Se fossi il quarterback numero 3 per tutta la stagione, sarebbe difficile. Io e il mio agente siamo a nostro agio riguardo a dove si trova la mia carriera in questo momento. Sicuramente se sarà così per tutta la stagione, sarà argomento di discussione il prossimo inverno”.

Il direttore generale Danny Maciocia potrebbe avere sulla sua scrivania il suo primo dossier della offseason.

-

PREV Ciclismo. Strada – Francia – Percorso, profilo e favoriti… la corsa su strada femminile
NEXT Cristiano Ronaldo ha segnato più gol della maggior parte delle squadre presenti agli Europei – rts.ch