Charles Leclerc spezza la maledizione e vince la gara – Libération

Charles Leclerc spezza la maledizione e vince la gara – Libération
Charles Leclerc spezza la maledizione e vince la gara – Libération
-

Al termine di una gara iniziata con una caduta impressionante, il 26enne monegasco Charles Leclerc ha vinto il Gran Premio di Monaco questa domenica, 26 maggio, al termine di una gara complessivamente insipida.

Anche il principe ha versato la sua lacrima. Monaco lo aspettava, ed è arrivato: il monegasco Charles Leclerc ha rotto la maledizione vincendo questa domenica 26 maggio per la prima volta il “suo” Gran Premio nazionale di Formula 1, una vittoria che gli era stata negata fin dal suo debutto in l’élite nel 2018.

Incoraggiato dagli striscioni “Daghe Charles!” (“Andiamo, Charles!” in patois locale) appesi ai balconi affacciati sull’impianto urbano, l’indigeno poté finalmente assaporare il suo successo. “Non ho parole” ha reagito commosso all’arrivo. “Negli ultimi 15 giri l’emozione era al massimo, ho pensato a mio padre (morto nel 2017, ndr), che ha dato tutto per farmi essere qui. Sognava che corressi qui e vincessi, è incredibile.” ha aggiunto il pilota della Ferrari.

Partito in pole position nel “suo” Gran Premio per la terza volta nella sua carriera nell’élite, ha preceduto l’australiano Oscar Piastri (McLaren) e il suo compagno di squadra della Ferrari, lo spagnolo Carlos Sainz. Terzo pilota della storia a rappresentare Monaco nell’élite, Charles Leclerc è il primo monegasco a vincere sulla Roccia in F1. Ha vinto il suo sesto GP di F1 nelle “sue” strade, una vittoria al termine di una gara generalmente insipida. Finora, in cinque partecipazioni, non aveva mai fatto meglio del quarto posto (nel 2022) a Monaco. Tra il 2017 e il 2021, il pilota ha dovuto abbandonare sistematicamente la sua gara a Monaco a causa di problemi tecnici o collisioni. L’anno scorso concluse con un deludente sesto posto.

Con questa vittoria, la prima della stagione, Leclerc consolida il secondo posto nella classifica di campionato (138 punti), dietro all’olandese Max Verstappen (169 punti) anche lui protagonista di una gara anonima. Partito sesto sullo stretto circuito cittadino che non lasciava praticamente alcuna possibilità di sorpasso, il tre volte campione del mondo in carica ha tagliato il traguardo nella stessa posizione. Ha concluso dietro ai britannici Lando Norris (McLaren) e George Russell (Mercedes), rispettivamente quarto e quinto.

Nonostante lo schianto, i tre piloti sono fuggiti illesi

Nel primo pomeriggio la gara è stata interrotta pochi istanti dopo la partenza. La causa: un impressionante contatto che ha coinvolto il messicano Sergio Pérez – tre delle quattro ruote della sua Red Bull sono state strappate – e la Haas di Kevin Magnussen e Nico Hülkenberg sulla salita a Sainte-Dévote. I tre conducenti sono usciti illesi dall’auto.

Tempo di mettere in sicurezza e ripulire i detriti, la gara è ripresa circa quaranta minuti dopo, con partenza da fermo secondo l’ordine stabilito durante le qualifiche. Una decisione che ha fatto comodo a Sainz, che ha subito una foratura poco dopo lo spegnimento dei semafori ma gli è stato permesso di ritornare nella sua posizione iniziale. Durante questa movimentata prima partenza si sono scontrati anche gli alpini dei francesi Pierre Gasly ed Esteban Ocon, 10° e 11° in griglia. Il secondo, ritenuto colpevole dell’incidente dalla direzione gara, ha dovuto abbandonare la vettura troppo danneggiata. Il normanno sarà penalizzato di cinque posizioni sulla griglia di partenza del GP del Canada del 9 giugno, prossimo appuntamento della stagione. Il suo compagno di squadra Gasly, 10° nel GP, regala ancora un punto alla sua squadra, in difficoltà dall’inizio della stagione.

-

PREV Una crepa dichiara il suo amore per il PSG!
NEXT L’Anderlecht anticipa la partenza di Thomas Delaney