Campionato mondiale di hockey: il Canada abbassa la bandiera davanti alla Svizzera

-

La Svizzera ha resistito alla rimonta del Canada vincendo 3-2 ai rigori e qualificandosi per la finale per la prima volta dal 2018.

Quarto tiratore per lo svizzero, l’ex Montreal Canadiens Sven Andrighetton ha portato la sua squadra in vantaggio ai calci di rigore. Il portiere svizzero Leonardo Genoni ha poi chiuso la partita effettuando una parata davanti a Dylan Cozens.

Genoni è stato di gran lunga il miglior giocatore del campo svizzero in questo incontro. Ha effettuato 42 parate e ha fermato quattro dei cinque tiratori canadesi nella sparatoria. Connor Bedard è stato l’unico a battere Genoni.

“È una sensazione imbattibile”, ha detto Kevin Fiala. Per noi è speciale essere in finale, indipendentemente dall’avversario. Sono molto orgoglioso della nostra squadra. Il nostro portiere “Leo” è stato incredibile. »

Gli svizzeri affronteranno nella finale la Repubblica Ceca, paese ospitante del torneo. I canadesi affronteranno gli svedesi nella partita per la medaglia di bronzo.

Fiala e Nino Niederreiter hanno permesso agli svizzeri di portarsi in vantaggio di due gol nel primo periodo di gioco segnando in power play.

Il primo tiro del Canada è arrivato all’11’ dell’inizio del primo tempo: il periodo si è concluso 17-8 a favore della Svizzera.

Dopo questo periodo difficile, la risposta del Canada è arrivata dal bastone di Brandon Tanev, che ha dimezzato il divario saltando su un tiro di risposta di Olen Zellweger a metà periodo.

A 3:06 dalla fine del terzo periodo, il cielo cade sulla testa della Svizzera. Andres Ambuhl è stato espulso per aver ritardato il gioco dopo aver mandato il disco in tribuna.

Il Canada ha quindi avuto un’occasione d’oro per pareggiare la partita e non si è lasciata sfuggire un’occasione del genere. Il capitano John Tavares ha catturato Genoni tra i pad meno di un minuto dopo l’infrazione di Ambuhl che ha forzato i tempi supplementari.

Niente per aiutare la Svizzera prima dell’inizio di questa estensione; a 39 secondi dalla fine, lo svizzero ha ricevuto una penalità per troppi uomini sul ghiaccio, aprendo ancora una volta la porta al massiccio attacco canadese. I canadesi però non sono riusciti ad approfittarne e gli svizzeri hanno avuto l’ultima parola.

“Era davvero, davvero vicino”, ha detto Tavares. È ancora difficile da assorbire. Bisogna dare molto merito ai ragazzi per essere stati tenaci e per aver colmato il divario. »

-

PREV Cessione OM: arriva De Zerbi, cede lo stoppino per l’Arabia Saudita?
NEXT Germania-Scozia a Euro 2024: a che ora e su quale canale seguire la cerimonia di apertura e la partita?