Affare Venanzi-Standard: l’ex presidente metterà in discussione il 21 giugno la sua richiesta di restituzione del prestito a Rouches

Affare Venanzi-Standard: l’ex presidente metterà in discussione il 21 giugno la sua richiesta di restituzione del prestito a Rouches
Affare Venanzi-Standard: l’ex presidente metterà in discussione il 21 giugno la sua richiesta di restituzione del prestito a Rouches
-

Bruno Venanzi chiede la restituzione di un prestito che la Standard non ha onorato nei tempi concordati, mentre la Standard chiede la sospensione del procedimento in attesa dell’esito del procedimento penale.

Il processo di vendita Standard è ufficialmente iniziato: i primi investitori sono interessati ma ci vorrà tempo

Il tribunale d’affari di Liegi viene investito di un atto di recupero crediti di Bruno Venanzi che pretende la restituzione di un prestito (in realtà cinque prestiti) allo Standard de Liège. Nel 2022 Bruno Venanzi ha venduto il 99,3% delle azioni dello Standard de Liège a 777 SDL (società appartenente a 777 Partners). Aveva concluso un contratto di prestito che obbligava lo Standard de Liège a rimborsare a date specifiche. Questi termini non sono stati rispettati e Bruno Venanzi chiede al tribunale societario di condannare lo Standard de Liège a rimborsarlo. L’importo in questione ammonta a 2.750.000 euro, oltre interessi.

Lo Standard de Liège non intende effettuare questo rimborso, poiché ritiene che Bruno Venanzi sia penalmente responsabile per aver commesso errori durante il suo mandato alla guida dello Standard de Liège. Lo Standard è sotto inchiesta per falsificazione, riciclaggio di denaro e corruzione. Si ritiene danneggiato da oltre 4.800.000 euro. “Il rischio è quello di considerare lo Standard debitore nei confronti di Bruno Venanzi, quando in realtà è creditore”, hanno indicato i legali del club nel corso delle loro memorie.

Nel procedimento penale citato dallo Standard, Bruno Venanzi avrebbe beneficiato del patteggiamento. È stato inoltre raggiunto un accordo tra l’Agenzia delle Entrate e Standard per un rimborso di 2.215.000 euro. “Bruno Venanzi faceva parte di un enorme sistema di frode e vi ha giocato un ruolo chiave”, aggiungono i legali dello Standard, che sostengono che il danno finale potrebbe essere molto elevato.

Mentre Bruno Venanzi pretende la restituzione dei suoi prestiti, perché la speranza di futuri risarcimenti non deve pesare nella decisione del tribunale, la difesa della Standard chiede la sospensione della sentenza in attesa della conclusione del procedimento penale.

La sentenza sarà pronunciata il 21 giugno.

La sinfonia di Bölöni a Jova, lo sfogo di Sarr: 15 anni fa lo Standard era campione

-

NEXT Memorial Cup: Owen Beck e gli Spirit si dirigono verso la finale, dominando Moose Jaw 7 a 1