“Sono orgoglioso di giocare a bridge”: la finale regionale di bridge scolastico in Lorena riunisce 80 giovani

-

Il Bridge sembra avere un futuro brillante davanti a sé. Là nuova generazione di giocatori si sono riuniti questo mercoledì al club di Longeville-lès-Metz per un evento annuale molto importante: la finale scolastica regionale della disciplina in Lorena. 80 studenti sono venuti per competere contro altri giovani giocatori di bridge che alcuni si formano da diversi anni nella loro scuola. È stato nella sua casa di Forbach che Lauriana, 10 anni, ha scoperto questa disciplina. “Mi piace tutto: le carte, il gioco, ci divertiamo sempre giocando di squadra“, spiega, supportata dal compagno con cui ha iniziato a giocare un anno fa. Da allora non si sono più lasciati per nessuna partita”,è la regola ” precisa Eliott, giovane giocatore del Nancy: ” gioca il più possibile con la stessa persona per avere maggiori possibilità di vincere “.

Grazie a questa finale regionale, i giovani partecipanti hanno potuto affrontare avversari di altre scuole della Lorena. ©Radio Francia
Emma Steven

caricamento

Perché anche se in questo torneo si tratta soprattutto di prendi il piacere che conta, alcuni giocatori sono arrivati ​​a segnare il massimo dei punti per un motivo specifico. “Gareggio nei campionati e sono classificato“, dice Léonard. Si allena al club Jarville, vicino a Nancy: “spesso i ragazzi della mia età giocano a calcio, Egli ha detto. Sono orgoglioso di essere un giocatore di bridge e quando qualcuno lo trova strano, non la prendo male perché so che è la mia passione.“.

caricamento

caricamento

Cresce la mania per questo gioco di carte tra i giovani, nota la federazione del bridge. Per ringiovanire l’età media dei suoi giocatori ha anche”ha firmato un accordo con l’Istruzione Nazionale“creare laboratori nelle scuole e nelle università”.Rispetto per gli altri, convivenza ma anche sviluppo di tattiche: il bridge si adatta molto bene ai programmi scolasticisostiene Monique Adam, delegata della gioventù del comitato in Lorena. È un gioco che non è prerogativa dei bravi studenti. Vediamo anche alcuni che hanno difficoltà accademiche e che sono estremamente bravi a bridge perché è un altro modo di imparare la matematica rispetto, ad esempio, a scuola.“.

-

PREV Ancora in rosso, il Barça non ha ancora pagato tutti gli stipendi dei suoi giocatori
NEXT Carlos Alcaraz, il miglior spot del tennis dopo Roger Federer, Rafael Nadal e Novak Djokovic