accusato di omofobia in Francia, Mohamed Camara sostenuto da gran parte del Mali

accusato di omofobia in Francia, Mohamed Camara sostenuto da gran parte del Mali
accusato di omofobia in Francia, Mohamed Camara sostenuto da gran parte del Mali
-

Segnalato in Francia per aver nascosto un logo contro l’omofobia sulla sua maglia, il giocatore dell’AS Monaco Mohamed Camara, invece, è molto sostenuto in Mali.

Il giocatore maliano dell’AS Monaco Mohamed Camara, accusato di omofobia domenica durante una partita di Ligue 1, ha ricevuto il sostegno di personalità del Mali e di molti connazionali sui social network.

Durante l’ultima giornata del campionato francese, il centrocampista aveva nascosto il logo contro l’omofobia presente sulla sua maglia e indossato da tutti i giocatori, allenatori e arbitri, nell’ambito di una campagna di lotta contro la discriminazione condotta dalla Lega calcio professionistica (LFP). .

L’omosessualità potrebbe presto essere criminalizzata in Mali

Il ministro dello Sport francese Amélie Oudéa-Castera ha denunciato un “comportamento inaccettabile” e ha chiesto “le più severe sanzioni” contro il giocatore e il suo club.

Ma sui social network personalità maliane e tanti internauti hanno espresso la loro solidarietà al giocatore, noto in Nazionale per il suo attaccamento alla fede musulmana. “Coloro che si definiscono difensori della libertà e della democrazia devono rispettare le convinzioni religiose degli atleti”, ha scritto su Facebook Pieno sostegno a Mohamed Hamidou Doumbia, politico maliano.

“È lì per giocare a calcio o sostenere cause politiche sull’orientamento sessuale imposto?”, chiede su Facebook Fatouma Harber, blogger e femminista maliana. “Supporto totale fratello #CAMARA. Stay strong Bro (be strong, brother)”, ha pubblicato un famoso rapper, Iba One, anche su Facebook.

Anche diverse pagine sportive maliane hanno dato il loro sostegno al giocatore in pubblicazioni illustrate dalle foto di Mohamed Camara durante il suo pellegrinaggio alla Mecca.

Gli utenti di Internet deplorano che il nazionale non abbia ricevuto il sostegno della sua federazione, né quello dei suoi compagni di squadra e della nazionale. Citano il precedente del nazionale senegalese del PSG, Idrissa Gana Gueye, che fece polemica in Francia nel 2022 dopo essersi ritirato dalla giornata della L1 dedicata alla lotta contro l’omofobia. Ha ricevuto in particolare il sostegno dell’allora capo di stato, Macky Sall.

In Mali, su una popolazione stimata di oltre 20 milioni, il 95% è musulmano, secondo il rapporto 2022 del Dipartimento di Stato americano sulla libertà religiosa globale. Il Paese è attaccato a valori religiosi e tradizionali che non tollerano la pratica dell’omosessualità, anche se non sono in vigore sanzioni penali.

Nel 2022, il ministro della Giustizia maliano Mamoudou Kassogué ha descritto l’omosessualità come una “relazione innaturale” e ha indicato che presto sarebbe stata criminalizzata, durante un seminario di convalida di un progetto preliminare di legge sul codice penale.

Articoli principali

-

NEXT Memorial Cup: Owen Beck e gli Spirit si dirigono verso la finale, dominando Moose Jaw 7 a 1