Calcio: Nessun Servettiano convocato con la Nati

-

Nessun Servettiano convocato con i Nati

Pubblicato oggi alle 15:15

A questo punto troverai ulteriori contenuti esterni. Se accetti che i cookie vengano inseriti da fornitori esterni e che i dati personali vengano quindi trasmessi loro, devi consentire tutti i cookie e visualizzare direttamente i contenuti esterni.

Consenti i cookiePiù informazioni

Essere la migliore squadra della stagione regolare della Super League e vincere la Coppa di Svizzera non basta per essere convocati. Partendo regolarmente da Servette Chênois, Laura Felber, Sandrine Mauron (entrambe al picchetto), Laura Tufo o Nathalia Spälti non compaiono nell’elenco svelato martedì da Pia Sundhage per il doppio confronto tra la squadra svizzera e l’Ungheria, il 31 maggio a Bienne ( 20:00) e il 4 giugno a Budapest (17:30).

“Non credo che ci siano giocatori che possano aiutare la squadra svizzera a vincere le prossime partite”, ha spiegato semplicemente l’allenatore, riferendosi al gioco di possesso palla e all’esperienza. “Almeno non questa volta”, ha concluso lo svedese. Ci sarà invece la ginevrina Smilla Vallotto (20 anni), che brilla nel campionato svedese con l’Hammarby.

A questo punto troverai ulteriori contenuti esterni. Se accetti che i cookie vengano inseriti da fornitori esterni e che i dati personali vengano quindi trasmessi loro, devi consentire tutti i cookie e visualizzare direttamente i contenuti esterni.

Consenti i cookiePiù informazioni

Tre assenti

Contro gli ungheresi, la Nati cercherà di continuare la sua corsa impeccabile in queste qualificazioni a Euro 2025 in Svizzera, che valgono anche per la prossima Nations League (Leggi box). “Se vinciamo, rimarremo al vertice e faremo un altro passo verso la Serie A”, afferma Sundhage. Ricordiamo che i suoi protetti avevano battuto la Turchia (3-1) e poi l’Azerbaigian (0-4) nelle prime due partite.

Tre assenze significative segnano questa selezione: quelle del capitano Lia Wälti, della giocatrice svizzera con più presenze Ana-Maria Crnogorcevic e del difensore Noelle Maritz. Il centrocampista dell’Arsenal non ha ancora recuperato abbastanza dall’infortunio al ginocchio riportato in allenamento. L’esterno dell’Atlético non gioca dalla fine di marzo. Anche se non è infortunata, l’allenatore della nazionale ritiene che non sia in grado di rendere al 100%. Per quanto riguarda l’Aston Villa, è assente per motivi medici.

Rispetto allo scorso raduno, il gruppo svizzero ha registrato i rientri di Noemi Ivelj (GC), Lia Kamber (Lucerna) – erano state convocate con l’U19 – e Marion Rey (Zurigo). La 26enne difensore Larina Baumann (San Gallo) ottiene la sua prima scelta. La vallesana dello Young Boys Naomi Luyet e (18 anni) e la giocatrice del Lucerna Caterina Tramezzani (19 anni) vengono a fare esperienza a contatto con Ramona Bachmann (Houston), Luana Bühler (Tottenham), Géraldine Reuteler (Francoforte), Coumba Sow (Basilea) e altri, ma parteciperanno agli allenamenti solo durante la prima settimana in Svizzera.

Florian Paccaudtitolare di un Master in scienze dello sport con orientamento in scienze sociali, è giornalista per Sport-Center da gennaio 2021. Laureato al CFJM, lavora anche come agente, redattore di stampa e pilota web.Più informazioni

Hai trovato un errore? Segnalacelo.

1 Commento

-

PREV Ricciardo risponde a Villeneuve e discute le sue grandi domande
NEXT Top 14 – Pau: l’ultimo notato da Sam Whitelock