Juraj Slafkovsky brilla ancora una volta al Campionato mondiale di hockey

Juraj Slafkovsky brilla ancora una volta al Campionato mondiale di hockey
Juraj Slafkovsky brilla ancora una volta al Campionato mondiale di hockey
-

Juraj Slafkovsky ha concluso la stagione in modo eccellente a Montreal. Ha concluso la stagione con 20 gol ed è partito quasi subito per la Repubblica Ceca per rappresentare il suo paese al Campionato mondiale di hockey.

A soli 20 anni è l’immagine dell’hockey slovacco e assume a pieno titolo questo ruolo. Lo abbiamo visto parlare ai media come un capitano dopo le sconfitte, parlare con i compagni in panchina e sul ghiaccio dare il buon esempio.

Non ha ancora segnato, ma ha dietro molte giocate chiave per la sua squadra.

Nella partita di oggi contro la Lettonia ha dato spettacolo. Per prima cosa, ha fatto un magnifico passaggio a Peter Cehlarik portando la sua nazione in vantaggio alla fine del terzo periodo. Ha usato il suo corpo per proteggere il disco e ha mostrato grande pazienza nel raggiungere il suo compagno di squadra.

I lettoni hanno pareggiato la partita, richiedendo tempi supplementari e rigori. Slafkovsky si è fatto notare battendo il portiere con grande pazienza.

È tornato lì una seconda volta, ma non è riuscito a battere il portiere avversario, regalando alla Lettonia la vittoria.

In conferenza stampa si è incolpato di aver mancato il secondo colpo.

Slafkovsky è fatto per un mercato esigente come quello di Montreal. Mostra buoni segnali di leadership e alla fine sarà in grado di affrontare la situazione quando i tempi si faranno difficili.

Sarà in grado di ispirare i suoi compagni di squadra a essere migliori e spingerli. È davvero incoraggiante vederlo andare a questo campionato del mondo. La pressione è lungi dal soffocarlo.

Martedì la Slovacchia concluderà il girone all’italiana contro la Svezia.

Molti

– I Pacers nella finale orientale.

– Abbastanza pazzesco.

– È difficile affrontare questo tipo di infortunio.

-

PREV Manchester City: tre piste XXL lanciate da Guardiola?
NEXT Jonas Vingegaard in subbuglio