Altra vittoria in sprint per il Milan, Pogacar ancora in rosa

Altra vittoria in sprint per il Milan, Pogacar ancora in rosa
Altra vittoria in sprint per il Milan, Pogacar ancora in rosa
-

Jonathan Milan si conferma il miglior velocista del Giro d’Italia. L’italiano ha ottenuto la sua seconda vittoria durante l’undicesima tappa a Francavilla al Mare, sulle rive del Mare Adriatico.

Al termine di questa giornata di transizione, lo sloveno Tadej Pogacar conserva la maglia rosa di leader con un vantaggio invariato di 2’40” sul colombiano Daniel Martinez, mentre il terzo, il britannico Geraint Thomas, si è tolto qualche secondo di vantaggio. Malato, il giovane belga Cian Uijtdebroeks, che si trovava al 5° posto assoluto, non è partito in questa tappa.

Al traguardo Milano, già vincitore della 4a tappa, ha ripreso il comando consolidando la sua maglia ciclamino di miglior velocista. “Questa vittoria è molto speciale, l’importante è aver imparato dai miei errori”, ha sottolineato il corridore della Lidl-Trek, molto nervoso durante la tappa, che ha reso un vibrante omaggio ai suoi compagni di squadra che lo hanno guidato in un finale movimentato.

Una caduta impressionante nell’ultimo chilometro ha mandato a terra diversi corridori, tra cui l’olandese Fabio Jakobsen, sopravvissuto a un catastrofico incidente al Giro di Polonia che gli costò quasi la vita nel 2020. Mercoledì è scappato senza troppi danni.

Milan, un bellissimo bimbo di 1,93 me 84 kg, ha perso nella vicenda la ruota del suo pesce pilota, Simone Consonni. Ma lo specialista della pista, soprannominato “Il Gigante di Buja”, il gigante di Buja, sua città natale, si è adattato in un lampo per prendere la scia di Tim Merlier e spiazzarlo negli ultimi metri.

“Ho lanciato troppo presto”, si è lamentato Merlier, poi declassato dai commissari per comportamento pericoloso. Di conseguenza, l’australiano Kaden Groves ha preso il secondo posto.

“Un virus nel gruppo”

Pogacar, visto in prima fila nella finale quando ha superato il suo velocista Sebastian Molano, ha trascorso una giornata tranquilla nel gruppo, anche se anche lui è stato quasi sorpreso dalla caduta.

In questa fase non c’è quasi nulla, se non una caduta o un malore, che sembra potergli impedire di vincere il suo primo Giro. Resta la sfiducia, soprattutto perché molti corridori si sono ammalati, come Cian Uijtdebroeks che non è partito mercoledì mattina. “C’è un virus che circola nel gruppo”, ha riferito Edouard Affini, il suo compagno di squadra alla Visma-Lease a bike.

“Cian non si sente bene e ha la febbre. Non sappiamo esattamente di cosa soffra ma non è Covid”, ha assicurato il suo direttore sportivo Marc Reef. L’anno scorso, il grande favorito belga Remco Evenepoel dovette abbandonare, colpito dal Covid-19, a metà gara mentre era in testa.

Per Visma, a cui restano solo quattro corridori in corsa, è un vero massacro questo Giro e un incubo che continua nel 2024. L’anno scorso l’armata olandese vinse tre grandi Giri e numerose classiche.

In questa stagione i problemi si accumulano, a cominciare dalle gravi cadute di Jonas Vingegaard e Wout van Aert, vittime di fratture multiple prima del Giro. “Gli anni si susseguono e non sono uguali, ma siamo sempre in modalità combattimento”, ha sottolineato Marc Reef all’inizio della tappa. A riprova, due dei suoi corridori, Affini e Tim van Dijke, hanno preso la fuga di giornata con il francese Thomas Champion. I tre uomini sono stati raggiunti dal gruppo a 35 chilometri dal traguardo.

Giovedì, la 12a tappa è adatta agli avventurieri con un susseguirsi di muretti fino all’arrivo a Fano dopo 190 km di corsa.

ats

-

PREV Il PSG è in corsa per questo late match della 32esima giornata
NEXT Il forte messaggio di Dugarry sul PSG e Luis Enrique!