Diversi imprenditori all’erta

Diversi imprenditori all’erta
Diversi imprenditori all’erta
-

In questo contesto, il magnate immobiliare Frank McCourt ha annunciato che sta creando un consorzio per acquistare la piattaforma di condivisione video, di proprietà del gruppo cinese ByteDance, indica il quotidiano.

In un comunicato stampa, l’ex proprietario della squadra di baseball californiana dei Los Angeles Dodgers ha indicato che intende, se questa transazione andrà a buon fine, riorganizzare TikTok per consentire agli utenti di avere un migliore controllo sulla propria identità e sui dati digitali.

Lo scorso aprile il Congresso americano ha adottato un testo che obbliga la società madre di TikTok a vendere la propria applicazione entro dodici mesi, pena il ban dal Paese.

Questa legislazione firmata dal presidente Joe Biden ha suscitato l’interesse di numerosi imprenditori che vogliono acquisire le attività americane della rete cinese che conta più di 170 milioni di utenti negli Stati Uniti.

Questi investitori includono anche il presidente di O’Shares Investments, Kevin O’Leary, e l’ex segretario al Tesoro Steven Mnuchin.

Secondo il Wall Street Journal, i potenziali acquirenti dell’applicazione cinese dovranno affrontare una sfida importante: determinare il valore della transazione che potrebbe oscillare tra i 20 e i 100 miliardi di dollari.

Accusato di “compromettere” la sicurezza nazionale degli Stati Uniti consentendo alla Cina di accedere ai dati degli utenti americani, il social network ha reagito all’approccio americano presentando una denuncia contro l’amministrazione Biden. Per lui la legge adottata dal Congresso “viola la libertà di espressione, garantita dal Primo Emendamento della Costituzione americana”.

“Per la prima volta nella storia, il Congresso ha approvato una legge che vieta permanentemente una piattaforma di espressione a livello nazionale e proibisce a ogni americano di partecipare a qualsiasi piattaforma online comunitaria con più di un miliardo di persone in tutto il mondo”, hanno sottolineato gli avvocati dell’azienda cinese. nella denuncia.

TikTok ritiene ancora che le preoccupazioni per la sicurezza nazionale non siano un motivo sufficiente per limitare la libertà di parola e che spetti al governo federale dimostrare che tale restrizione è giustificata.

Il governo federale americano e decine di stati hanno già vietato l’uso di TikTok sui dispositivi di lavoro.

-

PREV Il Real Madrid getta la spugna per le reclute a due stelle!
NEXT Hockey su ghiaccio-Lega Magnus. Philippe Halley si estende ai duchi d’Angers