Il Manchester City supera il Tottenham e mantiene le mani sul titolo – Premier League – J34 – Tottenham-Manchester City (0-2)

-

type="image/webp"> type="image/jpeg">>> Tottenham-Manchester City 0-2 type="image/webp"> type="image/jpeg">>>

Gol: Haaland (51e e 90e+1)

IL Cittadini molto velocemente.

Il Manchester City ha dovuto aspettare fino agli spogliatoi per trovare finalmente il difetto allo stadio Tottenham Hotspur – il primo gol nella storia del Skyblues nella tana di Speroni nella Premier League. Ma niente per rallentare la banda di Pep Guardiola, che ha riconquistato il primo posto in campionato poco prima dell’ultima giornata e si avvia verso la quarta incoronazione consecutiva (0-1).

Il primo atto è però un bellissimo esercizio di resistenza per il Speroni, che può contare per l’occasione sul sostegno inaspettato di tutta la tifoseria dell’Arsenal, ansiosa di assistere ad un passo falso del Manchester City. Guglielmo Vicario lavora davanti a Phil Foden (16e) o Kevin De Bruyne (47e), Radu Drăgușin effettua un’improbabile parata davanti all’inglese (45e), e il Tottenham prova ad attaccare in contropiede, senza riuscirci nell’ultimo gesto.

IL mano a mano torna finalmente in vantaggio gli uomini del nord del Regno grazie a Erling Haaland, messo in orbita da un cross di De Bruyne (0-1, 51e). Entrando al posto di Ederson, vittima di un impatto alla testa, Stefan Ortega interviene perfettamente contro Dejan Kulusevski (71esimoe79e), poi vinse il faccia a faccia con Son Heung-min (86e), e frantuma le speranze di ritorno di Speroni. Haaland segna addirittura una doppietta nel finale su rigore procurato da Jérémy Doku (0-2, 90e+1). Sarà quindi il Manchester City ad avere il match ball domenica, contro il West Ham, mentre l’Arsenal dovrà battere l’Everton per crederci ancora. Da parte sua, il Tottenham sta perdendo ogni speranza nella Champions League.

Fantastico, un’altra Premier League che si giocherà nell’ultima giornata!

-

PREV Florentino Perez incontrerà Macron, il caso Mbappé sul tavolo?
NEXT Rabat: Cocciaretto agli ottavi