WTA 1000 da Roma. Spinta da Svitolina, Aryna Sabalenka si qualifica ai quarti di finale

WTA 1000 da Roma. Spinta da Svitolina, Aryna Sabalenka si qualifica ai quarti di finale
WTA 1000 da Roma. Spinta da Svitolina, Aryna Sabalenka si qualifica ai quarti di finale
-

La numero 2 del mondo Aryna Sabalenka ha sofferto nel battere l’ucraina Elina Svitolina (19e) in tre set 4-6, 6-1, 7-6 (9/7) in 8e Lunedì la finale del torneo WTA 1000 a Roma. Il bielorusso, dominato nel primo set, ha pareggiato ad un set ovunque con autorità, ma ha perso i primi due game del set decisivo.

È tornata in vantaggio vincendo quattro partite di fila, ma non ha concluso sul 5–4 al servizio. Sotto 6-5 al servizio successivo, ha dovuto addirittura annullare un match point in favore di Svitolina. I due giocatori si sono decisi al termine di una partita decisiva ed emozionante, Svitolina ha ottenuto due nuovi match point prima che Sabalenka concretizzasse la sua seconda opportunità dopo due ore e 24 minuti di gioco.

LEGGI ANCHE. WTA 1000 da Roma. Iga Swiatek avanza ai quarti di finale dopo la vittoria contro Angelique Kerber

Mercoledì nei quarti di finale Sabalenka, finalista a Madrid dieci giorni fa, affronterà la lettone Jelena Ostapenko (10e). A patto che il suo corpo regga: la vincitrice dell’ultimo Australian Open ha chiesto l’intervento dello staff medico del torneo tra i duee e 3e giri, poi ai primi due cambi di lato durante i 3e impostato per il mal di schiena.

Nessuna stretta di mano tra i due giocatori

Alla fine della partita Svitolina, come fanno i giocatori ucraini dall’inizio della guerra in Ucraina quando affrontano giocatori russi e bielorussi, non ha stretto la mano all’avversaria a rete ed è tornata direttamente alla sua sedia.

Il duello tra il bielorusso e l’ucraino, però, non ha avuto la dimensione politica del loro precedente confronto, poco meno di un anno fa nei quarti di finale del Roland-Garros. Al termine di questo duello vinto 6-4, 6-4, Sabalenka ha partecipato per la prima volta alla conferenza stampa obbligatoria post partita e ha risposto a una domanda sulla guerra condotta dalla Russia, con l’aiuto dell’alleato bielorusso in Ucraina. “Non sostengo la guerra, il che significa che non sostengo Lukashenko in questo momento”ha poi risposto.

-

PREV Tour du Limousin 2024: il percorso preciso della prima tappa in Creuse
NEXT I Messines sono arrivati ​​in forze a Budapest prima della Final Four di Champions League