Il centro Penmarc’h si difende dopo la squalifica di La Garde Républicaine de Barreh dal Mondial Pupilles

Il centro Penmarc’h si difende dopo la squalifica di La Garde Républicaine de Barreh dal Mondial Pupilles
Descriptive text here
-

Il centro della Coppa del Mondo di Penmarc’h ritiene di essere stato accusato ingiustamente dal comitato direttivo della competizione, che secondo lui aveva avvertito di problemi di licenza con la squadra di Gibuti.

Allievi del mondo 2024

Continua a far parlare di sé la polemica sulla squalifica di una squadra gibutina dalla Coppa del Mondo (U13) del Plomelin. I responsabili del centro di Penmarc’h, che fanno parte del club locale Cormorans Sportifs de Penmarc’h, si considerano ingiustamente accusati dal comitato direttivo della Coppa del Mondo.

“Il comitato direttivo, avvertito il sabato prima degli ottavi che c’era un problema con le licenze della squadra del Gibuti e poi passato a Penmarc’h, avrebbe dovuto escludere Barreh in quel momento e non ci sarebbero state tutta questa polemica domenica”, si arrabbia il presidente del CS Penmarc’h Kevin Le Corre, prima di riavvolgere il film.

“La decisione spettava al comitato direttivo, non al centro Penmarc’h”

“I giocatori di Gibuti sono arrivati ​​alle famiglie ospitanti nella notte tra mercoledì e giovedì (il torneo è iniziato giovedì alle 9 del mattino) e i loro allenatori non hanno presentato i documenti corretti il ​​primo giorno, ma non avremmo più detto alle ragazzi di andarsene immediatamente e privarli di questa festa calcistica. Successivamente, da giovedì a sabato, si è intensificata la pressione, con Strasburgo e Lorient che hanno posto domande sull’età dei giovani gibutiani e sulla verifica delle loro patenti. Ecco perché sabato ho chiamato il comitato direttivo. E toccava al comitato direttivo prendere subito la decisione di escludere (questo club del) Gibuti dai quartieri di Coppa del Mondo di Plomelin, non del centro di Penmarc’h. »

In un comunicato stampa, il club Bigouden tiene a precisare che “in nessun caso quest’anno ai volontari del club è mancato il rigore amministrativo, come durante le altre 35 edizioni. Ci auguriamo che tutti i centri di accoglienza e l’organizzazione del torneo ne traggano le conseguenze insieme, affinché il Mondiale abbia ancora anni buoni davanti e affinché i giovani calciatori siano attori e non vittime. »

Crediti fotografici: Foto Cormorans Sportifs de Penmarc’h

-

PREV “D’Ambrosio mi farà il culo…!”
NEXT Tennis: Novak Djokovic giocherà l’Open di Ginevra!