“Non c’è più umanizzazione”, l’analisi di Anne Ruwet sulla situazione catastrofica dello Standard

“Non c’è più umanizzazione”, l’analisi di Anne Ruwet sulla situazione catastrofica dello Standard
“Non c’è più umanizzazione”, l’analisi di Anne Ruwet sulla situazione catastrofica dello Standard
-

Venerdì sera non si è disputata la partita tra Standard e Westerlo. I tifosi del Liegi hanno impedito alla propria squadra di raggiungere lo stadio, in segno di protesta contro la situazione finanziaria e sportiva del proprio club.

Una situazione senza precedenti. Mai prima d’ora nella storia del nostro campionato i tifosi hanno impedito lo svolgimento di una partita. “Sono immagini che hanno un carattere completamente nuovo“, analizza Anne Ruwet sul set di RTL Info 13.00. “Di solito, quando i tifosi vogliono protestare, lo fanno in un luogo sportivo con cori e striscioni. Qui, il raduno dei sostenitori ha avuto luogo presso l’Accademia. È qui che i giocatori trascorrono la maggior parte del loro tempo, ma è anche il luogo dove si allenano i giovani. C’è quindi un bel simbolo in relazione al futuro dello Standard.”

Sugli striscioni che abbiamo visto, i sostenitori criticano un’azienda chiamata 777. Non c’è più né umanizzazione, né personalizzazione. Prima l’obiettivo si chiamava Roland Duchatelet o Bruno Venanzi. C’era un uomo che rappresentava questa direzione sportiva. Ecco, c’è molta vaghezza attorno a questa società americana, motivo per cui alcuni sostenitori chiedono il ritorno di Lucciano D’Onofrio che potrebbe umanizzare e personalizzare la gestione dello Standard e soprattutto conoscere molto bene il Dna del club..”

Le ripercussioni di questa cancellazione della partita non sono ancora chiaramente note, ma è chiaro che ci sarà un impatto sia sportivo che finanziario. “Parliamo di una multa di 125mila euro per le emittenti, il club di Westerlo, la Lega Pro, ma anche tutti i prestatori di servizi che hanno effettuato il viaggio. A livello sportivo si parla di un possibile pacchetto, ma sembra relativamente aneddotico quando vediamo la stagione dello Standard. Non hanno più nulla da guadagnare“, conclude il nostro esperto.

standard

-

PREV Una piccola battuta di un giocatore della Ligue 1 su Kylian Mbappé per annunciare il suo ritorno
NEXT Top 14. Per Yannick Bru, l’UBB è “in assoluta vigilanza” prima di affrontare La Rochelle