Calcio: lo Stade Lausanne Ouchy batte l’Yverdon e ottiene una tregua

Calcio: lo Stade Lausanne Ouchy batte l’Yverdon e ottiene una tregua
Calcio: lo Stade Lausanne Ouchy batte l’Yverdon e ottiene una tregua
-

Lo Stade Lausanne Ouchy batte Yverdon e ottiene una tregua

Pubblicato: 11/05/2024, 22:41

Lo Stade Lausanne Ouchy non è ancora morto. Lanterna rossa per quasi tutto il campionato, il club residente a Pontaise è da tempo ridotto a sperare in un miracolo per salvare il suo posto in Super League. L’ascia sarebbe potuta cadere sabato sera, ma gli Stadistes hanno rinviato il termine vincendo con la pinza contro l’Yverdon (3-1). Questo risultato permette loro di tornare a otto punti dal Grasshopper, penultimo, a tre giornate dalla fine.

Costretto a vincere, lo SLO prevedeva la retrocessione per gran parte della partita, sembrando incapace di trovare uno spirito in più. Gli Yverdonois si sono avvicinati alla riunione senza imperativi contabili, essendo ampiamente soddisfatti di un punto. Il risultato è stato un primo periodo privo di fantasia, equilibrato, da cui sono emerse solo due occasioni. Al quarto d’ora di gioco, Kevin Carlos entra in area e mette in azione Dany Da Silva con un tiro dalla distanza (15°). Lo Stadistes risponde con un’azione simile, con Vitalie Damascan che costringe Paul Bernardoni a sdraiarsi per deviare il suo tiro ad effetto (19°).

Mulaj, salvatore del popolo losannese

Soporifera fino al 65′, la partita si lascia prendere improvvisamente la mano quando Anthony Sauthier offre un rigore allo SLO contrastando maldestramente Michael Heule. Bernardoni devia con un tocco il tentativo di Alban Ajdini e sul corner successivo Rayan Kadima trova la falla con un cross di testa (66esimo). Rientrati in pista con questo gol capitato dal nulla, i giocatori del Losanna hanno avuto appena il tempo di assaporarlo: Carlos si è presentato davanti a Da Silva e lo ha crocifisso segnando il suo 13esimo gol dell’anno, il quinto nelle ultime cinque uscite (69esimo). .

Sull’orlo del precipizio, lo SLO ha beneficiato di un nuovo aiuto da parte del destino per riconquistare il vantaggio. Liridon Mulaj ha lanciato un missile da 30 metri che si è conficcato nell’angolo in alto (77°). Il trequartista ha messo definitivamente fuori gioco i suoi dieci minuti più tardi. Dimenticato sul secondo palo, si lancia per ricevere un cross di Damascan e piazzare un potente colpo di testa sotto la traversa (87esimo).

Dopo quattro sconfitte consecutive, lo Stade Lausanne Ouchy rialza finalmente la testa. Il futuro – vicino – dirà se si è trattato di uno scatto d’orgoglio o dell’inizio di un’improbabile svolta. Yverdon, dal canto suo, dovrà aspettare per ufficializzare il suo proseguimento.

Hai trovato un errore? Segnalacelo.

0 commenti

-

PREV Campionato Wells Fargo | Rory McIlroy arriva a un tiro da Xander Schauffele
NEXT Real Madrid, la risposta secca di Ancelotti a Macron per Mbappé