Mondiali di hockey: la “situazione atipica” di un ex-Genevois, stella evitata dei Blues

Mondiali di hockey: la “situazione atipica” di un ex-Genevois, stella evitata dei Blues
Mondiali di hockey: la “situazione atipica” di un ex-Genevois, stella evitata dei Blues
-

La squadra francese di hockey su ghiaccio inizia sabato i campionati del mondo in Repubblica Ceca con l’obiettivo di rimanere nell’élite. Potrà contare sul rinforzo del suo miglior attaccante Stéphane Da Costa, ex giocatore del Genève-Servette e privato di selezione negli ultimi anni.

Stéphane Da Costa, qui con l’Ekaterinburg, milita nella KHL da diversi anni.

IMAGO/SNA

Dopo una lunga preparazione conclusasi lunedì con la sconfitta contro la Germania (4-3, ap), gli Azzurri entreranno nel vivo sabato (12.20) contro il Kazakistan a Ostrava per la prima partita del Mondiale 2024. Coppa (dal 10 al 26 maggio). “Abbiamo avuto una buona preparazione. Abbiamo ancora due o tre dettagli da migliorare, ma nel complesso la squadra è pronta”, ha detto giovedì Sacha Treille, capitano della Francia, durante una conferenza stampa.

In un girone difficile, composto soprattutto da Germania, finalista l’anno scorso, Lettonia (3° nel 2023), Stati Uniti (4°) e Svezia (6° nel ranking mondiale), Sacha Treille resta misurato per quanto riguarda le ambizioni francesi, solo primo quattro nazioni del girone avanzano ai quarti. “Il nostro obiettivo resta quello di mantenerlo”, ha assicurato, poiché le due squadre con il peggior record tra tutti i due gironi da otto verranno retrocesse alla fine di questo Mondiale.

La svolta di Da Costa

Per raggiungere questo obiettivo, i Blues potranno contare sulle loro due stelle Pierre-Edouard Bellemare (39 anni), giocatore del Seattle Kraken in NHL, e Stéphane Da Costa (34 anni), considerato uno dei migliori giocatori francesi nella storia, avendo giocato in particolare con i colori del Genève-Servette durante la stagione 2017/2018.

Da Costa, attaccante del club russo dell’Ekaterinburg (KHL) dal 2018, è stato squalificato dopo l’inizio della guerra in Ucraina nel 2022. La sua pratica è stata recentemente cancellata, per la gioia del suo allenatore, Philippe Bozon.

“Stéphane Da Costa gioca in Russia da molto tempo. Non ha preso la decisione di stabilirsi lì in un periodo successivo all’inizio della guerra d’aggressione che la Russia conduce in Ucraina”, ha spiegato il Ministero dello Sport in un comunicato stampa pubblicato sul quotidiano The Team per spiegare questa svolta. “Anche lui si ritrova in una situazione atipica a causa del suo sport. Pochi paesi (…) ti permettono di esibirti al più alto livello internazionale.”

“Ho tirato un grande sospiro di sollievo”, ha detto con un sorriso Philippe Bozon, quando ha saputo che avrebbe potuto selezionare nuovamente Da Costa. “È una miniera d’oro per i nostri giovani avere con sé giocatori (Da Costa e Bellemare ndr) di questo calibro. Danno molti consigli. Tutti vogliono fare bene insieme a loro”.

Il Kazakistan primo passo importante

L’allenatore sarà però privato di Alexandre Texier, giocatore dei Columbus Blue Jackets in NHL, altra stella della squadra, a causa di un problema assicurativo. Alle sue assenze si aggiungono quelle di Pierrick Dubé e Dylan Fabre.

La Coppa del Mondo Blues inizierà questo sabato con la sfida contro il Kazakistan, una nazione di livello più o meno simile. “Hanno tante qualità individuali, con giocatori che giocano nel KHL (il campionato russo). Ci aspettiamo che sia una partita importante”, ha annunciato Sacha Treille.

“Dovremo disturbarli”, ha assicurato Philippe Bozon. “Sono bravi tecnici a cui non piace necessariamente avere fretta. Dovremo attaccarli nel buon senso della parola”. Vincere questa prima partita segnerebbe un primo passo importante verso la permanenza nell’élite.

-

PREV NHL: Auston Matthews ha subito un trauma cranico
NEXT Pro D2 – Il Grenoble liquida Colomiers, si regala l’ottavo successo di fila e si invita alla fase finale