Telefoni, scarpe da ginnastica, carte bancarie… A Tolosa, giovani calciatori vengono derubati durante la partita: 6mila euro di danni

Telefoni, scarpe da ginnastica, carte bancarie… A Tolosa, giovani calciatori vengono derubati durante la partita: 6mila euro di danni
Telefoni, scarpe da ginnastica, carte bancarie… A Tolosa, giovani calciatori vengono derubati durante la partita: 6mila euro di danni
-

l’essenziale
Anche se hanno vinto la partita, l’incontro è finito male per i giovani calciatori dell’AS Flourens-Drémil-Lafage.

Sabato, dopo aver appena vinto la partita contro il Toulouse Montaudran FC sul prato dello stadio Struxiano 2 di Tolosa (con il punteggio di 3 a 4), i giovani calciatori (U17) del club Flourens-Drémil-Lafage si sono presto disillusi! Infatti, essendo stato forzato il loro spogliatoio durante l’incontro, tutti si sono accorti dei furti di cui erano stati vittime. “Alla fine della partita, invece di festeggiare la vittoria, hanno pianto di disgusto. Sono stati rubati paia di scarpe da ginnastica, telefoni, carte bancarie… Si tratta di più di 6.000 euro di danni”, sospira il presidente dell’AS Flourens-Drémil-Lafage, Jeoffrey Racionero.

Il giorno successivo è stata sporta denuncia

A partire da domenica mattina, infatti, nove famiglie di giocatori hanno sporto denuncia. “Pensavo che il club Montaudran mi avrebbe chiamato, ma il presidente mi ha appena mandato un SMS”, spiega Jeoffrey Racionero. Inoltre, Olivier Reuland, presidente del club di Tolosa, precisa: “Ho inviato un SMS al presidente per chiedergli una copia della denuncia, per avere elementi di fatto su cui basarsi per discutere con il municipio di Tolosa, proprietario dello stadio, maggiore sicurezza negli spogliatoi. Come club ospitante, questa situazione ci mette a disagio, anche se non è nostra responsabilità”.

Dopo lo sconforto post partita, è arrivato il momento dell’indignazione, secondo Jeoffrey Racionero: “Mi fa arrabbiare perché ci sono famiglie che non hanno molti mezzi. Una mamma mi ha raccontato che si era sacrificata per diversi mesi per regalare a suo figlio un nuovo telefono! Un bambino piangeva sul campo perché il paio di scarpe da ginnastica che gli erano state rubate erano un regalo di Natale di sua nonna, che nel frattempo è morta”.

Inoltre, Jeoffrey Racionero aggiunge: “Lo avevo già annunciato: questo è il mio ultimo anno da presidente del club. Ne ho abbastanza di quest’atmosfera che pesa sul calcio e su tutto ciò che gli ruota intorno. Non è salutare e non è facile”.

L’AS Flourens Drémil-Lafage ha lanciato una raccolta fondi online “Aiuto alle vittime dei furti negli spogliatoi degli U17”:
www.ciaoasso.com

-

PREV Il francese Benjamin Thomas conquista la 5a tappa del Giro, prima vittoria stagionale per Cofidis
NEXT le lacrime di Lopes e Cherki… I lionesi festeggiano “il pazzo” dopo la qualificazione all’Europa League