Mondiali di Judo: 17 delle 18 selezioni francesi conosciute… in attesa di Riner? | TV5MONDE

Mondiali di Judo: 17 delle 18 selezioni francesi conosciute… in attesa di Riner? | TV5MONDE
Mondiali di Judo: 17 delle 18 selezioni francesi conosciute… in attesa di Riner? | TV5MONDE
-

Diciassette dei 18 membri della delegazione francese ai Campionati del mondo di Judo ad Abu Dhabi (19-24 maggio), ultimo grande incontro prima delle Olimpiadi, sono ormai noti, in attesa della decisione di Teddy Riner, indicato martedì dalla dirigenza dei Blues.

Di questi 17 atleti, 9 sono selezionati anche per i Giochi di Parigi, tra cui Clarisse Agbégnénou (-63 kg), Madeleine Malonga (-78 kg) e Luka Mkheidze (-60 kg), che punterà all’oro negli Emirati, a cui aggiungere al loro record ma anche a migliorare la loro classifica mondiale per il torneo olimpico.

Il 18esimo e ultimo posto, assegnato alla selezione maschile, è ancora vacante, in attesa della decisione del tre volte campione olimpico Teddy Riner, che ha appena vinto il Grande Slam a Dushanbe (Tagikistan) e potrebbe voler prendere una pausa.

“Hai visto, c’è ancora un posto, questo è quello che abbiamo concordato con Teddy e il suo staff… Faremo prendere una decisione insieme, e ovviamente verrà prima da Teddy. Siamo tutti molto sereni”, ha detto Frédérique Jossinet, responsabile di alto livello della Federazione, martedì, rilevando che la data di chiusura delle iscrizioni è avvenuta “10 giorni prima” della competizione, cioè giovedì.

Teddy Riner, 35 anni, “ha disputato una gara davvero straordinaria (in Tagikistan). Abbiamo visto il suo stato di forma, nel suo stato d’animo ma anche proprio dal punto di vista fisico e anche tecnico-tattico, dove era sopra tutti” “, ha rilevato il tecnico, intervistato a margine degli allenamenti degli Azzurri all’Insep.

“Ma a volte hai anche bisogno di periodi molto intensi di allenamento, gare e poi, ad un certo punto, tornare giù e riposarti bene”, ha sottolineato.

Pacchetto Blandine Bridge

Tra le donne, un cambiamento dell’ultimo minuto avvenuto con il ritiro di Blandine Pont, recente vicecampionessa europea nei -48 kg ma infortunata ad un ginocchio durante la finale persa.

Viene sostituita da Priscilla Gneto, che affiancherà Faïza Mokdar nei -57 kg.

“È un duro colpo per Blandine, ma speriamo che si riprenda molto presto. In ogni caso, è una buona decisione da parte sua per preservare la sua salute e costruire il futuro”, ha detto all’AFP Christophe Massina, allenatore della francese squadra femminile.

La Pont, 25 anni, non selezionata per le Olimpiadi, è stata lei stessa ad annunciare il suo ritiro su Instagram, lasciando ipotizzare un futuro cambio di categoria.

“Sta a lei vedere cosa succederà dopo, ma sia che rimanga a 48 kg o che scenda a (meno di) 52 kg, è una ragazza molto forte e molto completa”, ha commentato Frédérique Jossinet.

Ad Abu Dhabi, le speranze di medaglie d’oro tra le donne riposeranno soprattutto nella stella tricolore del judo Clarisse Agbégnénou (- 63 kg), che si recherà lì “chiaramente per vincere un settimo titolo”, secondo Christophe Massina.

Ma, ultima a vincere la sua selezione per i Giochi, a scapito di Audrey Tcheuméo – che potrebbe incontrare sulla strada per gli Emirati, anche Madeleine Malonga (-78 kg) vorrà “arrivare fino alla fine”.

“Se vincessi, sarei super felice, (ma) il mio obiettivo, campionato del mondo o meno, rimane invariato, e sarà il 1 agosto” ai Giochi, ha aggiunto il judokate 30enne, già titolato ai Giochi Mondiali 2019.

Tra gli uomini, Luka Mkheidze, medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Tokyo 2021, andrà alla ricerca di un primo titolo mondiale. “Mi piacerebbe davvero vincere questa nuova medaglia, ma poi l’obiettivo restano i Giochi”, ha ammesso.

La selezione francese per i Mondiali:

Donne (9): Amandine Buchard (-52 kg), Faïza Mokdar (-57 kg), Priscilla Gneto (-57 kg), Clarisse Agbégnénou (-63 kg), Marie-Eve Gahie (-70 kg), Margaux Pinot (- -70 kg), Madeleine Malonga (-78 kg), Audrey Tcheuméo (-78 kg) e Léa Fontaine (+78 kg)

Uomini (8): Luka Mkheidze (-60 kg), Romain Valadier-Picard (-60 kg), Walide Khyar (-66 kg), Daikii Bouba (-66 kg), Joan-Benjamin Gaba (-73 kg), Alpha Diallo (-81 kg), Maxime-Gaël Ngayap Hambou (-90 kg) e Alexis Mathieu (-90 kg)

-

PREV Cat torna nella sua terra ad Auxerre: “Per me sarà come giocare allo Stade de France”
NEXT perché l’arrivo della fiamma olimpica a Marsiglia non piace a tutti