“Una situazione di lusso non è sempre buona”, come gestirà il Club Bruges la competizione tra Simon Mignolet e Nordin Jackers?

“Una situazione di lusso non è sempre buona”, come gestirà il Club Bruges la competizione tra Simon Mignolet e Nordin Jackers?
“Una situazione di lusso non è sempre buona”, come gestirà il Club Bruges la competizione tra Simon Mignolet e Nordin Jackers?
-

Dopo la vittoria per 2-1 del Club Bruges contro l’Anversa – che ha permesso al Bruges di salire in testa ai Playoff dopo il pareggio nel derby di Bruxelles – Simon Mignolet è stato senza dubbio il giocatore più felice del Bruges. Ciò può sembrare sorprendente per il portiere 36enne che ha già sperimentato tutto nella sua carriera, sia con il Bruges, che con i Red Devils o in Premier League. Leggenda vivente allo stadio Jan Breydel, ha tuttavia vissuto una stagione tormentata con i Blauw & Zwart.

Come la maggior parte dei suoi compagni di squadra, il portiere non è stato sempre impeccabile all’inizio della stagione. Ma i veri problemi sono arrivati ​​il ​​28 febbraio, durante la finale di ritorno della Croky Cup contro l’Union Saint-Gilloise. A cinque minuti dalla fine dei tempi regolamentari e il Saint-Gillois che spingeva per segnare un secondo gol, sinonimo di qualificazione, Mignolet non ha potuto continuare la partita a causa di un piccolo strappo muscolare.

Dopo due settimane di assenza, il Trudonnaire è tornato ad affrontare… Saint-Trond ma ha dovuto cedere il posto a causa di un nuovo infortunio, questa volta all’ischio. La sua assenza è stata stimata in un mese e quindi ha mancato l’inizio dei Playoff.

La cronaca di Thomas Chatelle: secondi portieri, ma ruoli da protagonista

Jackers e il Bruges tornano in forma

Il suo sostituto, Nordin Jackers, si rivela tra i pali del Bruges. E il suo arrivo tra gli undici titolari ha coinciso con la ripresa della forma del Blauw&Zwart. Tanto che quando Mignolet ha potuto tornare a giocare, Nicky Hayen ha deciso di mettere in panchina l’ex Red Devil per dare fiducia al fratello minore, che era in pieno svolgimento.

Se continua a comportarsi da vero professionista, la situazione non è facile per uno che ha giocato quasi 250 partite in Premier League con Sunderland e Liverpool. Tuttavia, Mignolet ha fatto del suo meglio per sostenere Jackers: “Innanzitutto Nordin ha fatto incredibilmente bene. Andiamo d’accordo e ci aiutiamo a vicenda a progredire. Questo è il tipo di situazione che deve accadere in un grande club”ha spiegato dopo la partita contro l’Anversa questo fine settimana, “solo… dopo tutto quello che ho passato, voglio solo giocare queste partite”.

E l’occasione è arrivata quando il portiere 36enne meno se lo aspettava. Affetto da un leggero infortunio, Nordin Jackers è stato costretto a ritirarsi dalla partita contro l’Anversa. Per il suo ritorno, Mignolet è stato decisivo contro Ejuke, Alderweireld o anche durante un faccia a faccia con Vincent Janssen.

Nordin Jackers, uno status da consolidare al Club Bruges

Un problema di lusso per Hayen?

“Ho aspettato la mia occasione e mi sono assicurato di essere lì. Era inutile essere negativi”ha spiegato l’ex Devils dopo l’incontro, “All’inizio cerchiamo di aiutare in tribuna o negli spogliatoi. Ma ovviamente non è facile da guardare. Poi, quando si presenta l’occasione, cosa che è avvenuta prima del previsto, devi esserci. Sono molto felice che tutto abbia funzionato e di aver potuto interpretare il ruolo che mi era stato richiesto”.

L’infortunio di Jackers ha risolto un problema per l’allenatore Nicky Hayen. “Una situazione di lusso non è sempre buona”, ha confidato dopo l’incontro. Ma chi sarà in porta la prossima settimana contro l’Unione? L’allenatore del Bruges non vuole commentare: “Non esiste una gerarchia. La scorsa settimana ho detto che Simon era un grande portiere e lo ha dimostrato. Nordin è in una buona serie. Questa è una situazione pericolosa. Perché se metto qualcuno in porta e non rende come dovrebbe, poi riceverò delle critiche”.

Dal canto suo, Simon Mignolet resta tranquillo anche se non nasconde che gli piacerebbe giocare di più a fine stagione: “In ogni caso spero che l’infortunio di Nordin non sia troppo grave. La competizione tra portieri è sempre un po’ più speciale che per qualsiasi altro ruolo. Ho già vissuto tanti bei momenti nel calcio. Semifinali e finali di Champions League ed Europa League. Ecco perché voglio giocare anche le semifinali della Conference League e qualificarmi per la finale”.

-

PREV Mercato, l’OM annuncia il suo primo rinforzo estivo (Ufficiale)
NEXT La pallamano JS Cherbourg dovrà recuperare 4 gol di svantaggio a Sélestat