“Evacuare rapidamente e andare avanti”

-

E per una buona ragione: nell’intervallo i Verdi erano avanti di due gol. Al rientro dagli spogliatoi i Verdi hanno diversi palloni da tre gol a zero ma non finiscono sul fondo. Alla fine, il Guingamp si è ripreso alla fine della partita e i Verdi hanno preso un punto (2-2). L’ASSE riconquista il secondo posto grazie ad una migliore differenza reti sull’Angers ma sarà lotta fino alla fine.

In una conferenza stampa ieri sera, Oliviero Dall’Oglio ovviamente ha parlato di queste occasioni mancate ma è soprattutto desideroso di cambiare rapidamente: “Naturalmente è importante riconquistare questo secondo posto. Nella foga del momento, vediamo questo pareggio in una luce negativa perché avevamo due gol di vantaggio e la possibilità di segnare questo terzo gol. Verrà evacuato rapidamente perché le partite si avvicinano rapidamente. Abbiamo riconquistato il secondo posto, se vinciamo le ultime due partite ci sono buone probabilità che saremo lì. Non c’è motivo di essere completamente abbattuto. Abbiamo sempre avuto la pressione ormai da un po’. Quando abbiamo dovuto recuperare il ritardo con i primi cinque, quando abbiamo dovuto puntare al terzo posto e poi al secondo. Ora abbiamo la pressione dell’arrampicata. C’è sempre pressione perché quando ASSE viaggia c’è sempre gente, siamo una squadra da battere, la pressione deve servirci.

I giocatori erano delusi nello spogliatoio, è normale, penso che sia logico. Come ho detto loro, dobbiamo liberarci rapidamente di questa delusione e andare avanti. Penso che non dovremmo dimenticare soprattutto alcune cose: da dove veniamo e da dove torniamo. Tutto quello che abbiamo fatto finora è eccezionale, ci saranno ancora momenti eccezionali da vivere in queste ultime due partite. Oggi abbiamo frustrazione, ma domani dovremo passare ad altro.”

10€ offertisenza estrarre la carta di credito su ZEbet con il codice EVECT10 !

-

PREV come Ed Sheeran è diventato l’uomo forte della promossa Ipswich Town
NEXT Campionato di lotta araba. Tre medaglie d’oro per il Marocco