Stade Toulousain-Harlequins: “Ci stanno provando, e su qualcuno che si lascia influenzare…” Lo dice un arbitro che ha diretto l’inglese

Stade Toulousain-Harlequins: “Ci stanno provando, e su qualcuno che si lascia influenzare…” Lo dice un arbitro che ha diretto l’inglese
Stade Toulousain-Harlequins: “Ci stanno provando, e su qualcuno che si lascia influenzare…” Lo dice un arbitro che ha diretto l’inglese
-

l’essenziale
I londinesi si esibiranno domenica 5 maggio (ore 16) sul prato dell’Ernest-Wallon, nella semifinale di Champions. Il francese Tual Trainini ha arbitrato la squadra negli ottavi di finale di questa competizione, contro il Glasgow.

Ha diretto le ultime due finali della Top 14 ed è uno degli arbitri francesi più riconosciuti. Tual Trainini, 38 anni, lavora anche a livello internazionale. Il 5 aprile ha diretto la Coppa dei Campioni, al fischio degli ottavi di finale tra Harlequins e Glsgow. Una partita vinta dai londinesi 28-24.

Leggi anche:
COLLOQUIO. Stade Toulousain-Harlequins: “Assicuratevi che non abbiano palle perse da giocare…” L’arbitro Tual Trainini analizza la semifinale

“Quins” che sarà questa domenica 5 maggio (ore 16) sul prato dello stadio Ernest-Wallon, per sfidare lo Stade Toulousain nella semifinale della massima competizione. Per La spedizione, Tual Trainini ha accettato di condividere i suoi sentimenti dopo aver arbitrato i londinesi. Una squadra che ritiene piacevole da guidare ma che sa anche mostrare carattere.

Leggi anche:
Stade Toulousain-Harlequins: “Abbiamo l’impressione che abbia frequentato la nostra scuola di rugby…” Partita speciale per l’inglese Jack Willis

“Non ero molto preoccupato”, dice fin dall’inizio. “Non sono venuti per discutere troppo, ma rimane il modo anglosassone, pretendendo molto. Questo non viene necessariamente dai giocatori in campo ma piuttosto dall’ambiente, senza necessariamente molta animosità”.

Leggi anche:
Stade Toulousain-Harlequins in Coppa dei Campioni: quando la stella degli inglesi Marcus Smith fece schienare Thomas Ramos

Continua menzionando anche un po’ di astuzia. “Ci stanno provando e su qualcuno ricettivo o impressionabile potrebbe funzionare. Ma non credo che sia il metodo migliore con gli arbitri francesi (sorride). Poi ci sono alcuni personaggi: Marler, Care… Non è folcloristico ma è vivace, piacevole.”

L’intervista a Tual Trainini la potete trovare cliccando su questo link.

-

PREV Successione Gasset: le cose si muovono per la priorità dell’OM
NEXT Nikola Jokic dopo l’eliminazione di Denver: “Il Minnesota aveva la squadra per batterci”