come Gonçalo Ramos è diventato un parigino che conta giocando così poco

come Gonçalo Ramos è diventato un parigino che conta giocando così poco
come Gonçalo Ramos è diventato un parigino che conta giocando così poco
-

Nonostante il poco tempo di gioco che Luis Enrique gli concede, Gonçalo Ramos è diventato uno dei beniamini del Parco dei Principi. Combattivo, altruista e motivato, l’attaccante portoghese è spesso decisivo quando ne ha l’occasione. Vedremo se i suoi sforzi saranno ripagati dalla partita questo mercoledì a Dortmund, nell’andata delle semifinali di Champions League (21:00 su RMC Sport 1).

Non ha mai detto una parola più forte dell’altra, un gesto inappropriato o un broncio in panchina. Gonçalo Ramos, però, sta attraversando una prima stagione particolarmente frustrante con il PSG. Dal suo arrivo la scorsa estate, tramite prestito la cui opzione di riscatto è stata esercitata a novembre (65 milioni di euro), l’ex centravanti del Benfica si è accontentato di un ruolo secondario nella capitale. Quando non è solo spettatore. Nonostante il suo potenziale, i suoi sforzi e la sua efficacia in campo, Luis Enrique lo utilizza pochissimo. Il nazionale portoghese (11 presenze, otto gol), ostacolato da un virus a dicembre, ha giocato solo 1.668 minuti, distribuiti su 36 presenze in questa stagione (tutte le competizioni messe insieme). Ciò equivale a meno di 19 partite intere…

Tempo di gioco molto limitato che crolla completamente in Champions League. Dall’inizio del campionato europeo, il 22enne attaccante ha giocato solo 148 minuti, suddivisi in sei presenze. Ha giocato tutta la partita durante il disastro del Newcastle di inizio ottobre (4-1), prima di accontentarsi di qualche briciola contro il Dortmund o il Milan. Non abbastanza per distinguersi. Dalla fine della fase a gironi, Gonçalo Ramos è stato completamente boicottato dal suo allenatore. Nelle ultime cinque partite del PSG in C1, aveva diritto a… cinque minuti durante l’andata dei quarti di finale contro il Barça (2-3).

Una festa piena di spazio al Vélodrome

Luis Enrique preferisce stabilmente Randal Kolo Muani (448 minuti in 9 presenze in C1), nonostante sia mancata tecnica e fiducia negli ultimi mesi. Difficile da spiegare per il nativo di Olhao, vicino a Faro (sud del Portogallo). Ma fino ad ora la sua delicata situazione non ha mai intaccato il suo buon umore. Né sulla sua voglia di lavorare ancora di più nel centro di Poissy. Un partner esemplare, elogiato per il suo stato d’animo, Gonçalo Ramos, impegnato fino al 2028, è diventato addirittura un elemento importante del gruppo parigino. E uno dei preferiti del Parco dei Principi.

La sua sfacciata esultanza contro l’OM, ​​durante la vittoria numericamente inferiore del 31 marzo in Ligue 1 (0-2), ha deliziato i tifosi parigini. Al di là di questo momento clou con il grande rivale, il numero 9 del PSG, che aveva già segnato una doppietta contro il Marsiglia nell’andata di settembre (4-0), ha fatto una serie di uscite interessanti nel 2024. A partire dal nuovo anno, ha anche segnato 11 dei suoi 14 gol stagionali (tutte le competizioni messe insieme).

“Sono sempre pronto ad entrare.”

Dopo la straordinaria doppietta contro l’OL il 21 aprile (4-0), ha segnato il pareggio contro il Le Havre sabato, alla 31a giornata (3-3). Mettendo uno splendido cross di testa allo scadere dei tempi di recupero (90°+5). Abbastanza per aumentare ancora un po’ la sua fiducia in se stesso. Con un gol segnato in media ogni 119 minuti in maglia rossoblù, Gonçalo Ramos (rappresentato da Jorge Mendes) è ormai più di un supersub, anche se rimane umile e modesto quando commenta il suo rendimento.

“Lavoro ogni giorno per essere titolare. Sono pronto a segnare gol e a mettermi in gioco in ogni partita. Sono sempre pronto a entrare”, ha spiegato l’attaccante lusitano prima dell’andata della semifinale di Champions League a Dortmund (mercoledì). alle 21 su RMC Sport 1). Senza amarezza nei confronti di Luis Enrique. “Una cosa positiva che ci ha portato l’allenatore è che non sappiamo mai chi inizierà dall’inizio. Ecco perché lavoriamo molto duramente ogni settimana. E’ un bene per noi perché siamo sempre pronti a giocare. “Ogni giocatore sa esattamente cosa fare ed è pronto per scendere in campo.”

Un jolly di lusso per Parigi

Lui ancor più degli altri. Anche se Kylian Mbappé lascerà quest’estate, molti sostenitori del PSG vorrebbero vederlo passare in attacco la prossima stagione. Intanto già sperano che venga utilizzato al Signal Iduna Park. Con il suo piede caldo, la sua capacità di lancio e la sua presenza negli ultimi metri, Gonçalo Ramos sembra un jolly di lusso, capace di trovare il difetto in ogni momento. Il tipo di profilo che potrebbe sbloccare un gioco bloccato. “Ho lavorato tanto e tutti in società mi hanno aiutato a rimettermi in forma”, esulta il diretto convinto di poter essere utile al PSG alla vigilia di una finale entusiasmante. “Ora ho fiducia e sto giocando. Poi arrivano cose belle”. E il meglio deve senza dubbio ancora venire…

Articoli principali

-

PREV Rugby amatoriale – Federal 3: “Il nostro secondo obiettivo è il pezzo di legno”, le reazioni dopo la vittoria dell’RC Villeneuve su Roubaix
NEXT La stampa inglese svela il futuro di Kevin De Bruyne