NEL MIRINO DEL CH? | “Non cambierò per le persone” -Cole Eiserman

-

Cole Eiserman era, solo pochi mesi fa, visto come un logico contendente per la prima scelta assoluta nel Draft 2024. Ora è escluso dalla top 10 di diversi esperti.

Da qui alla bozza, TVA Sports e Il Journal pubblicherà e trasmetterà diversi reportage sui giocatori che il canadese potrebbe ottenere con i suoi preziosi prima scelta venerdì 28 giugno.

Ma non sembra preoccuparsene.

“Le classifiche dei potenziali clienti pubblicate ovunque non hanno molta importanza. Mi concentro sul concreto. Quando sali sul palco dopo aver sentito il tuo nome, è reale. In ogni caso, le persone dietro la creazione di queste liste non sono quelle che faranno le scelte in seguito, quindi non ci faccio caso.

Questa dichiarazione del giovane, fatta durante una recente intervista con TVASports.ca, rappresenta perfettamente il tipo di ragazzo che è Eiserman.

Un atleta fiducioso la cui mente sembra forte come l’acciaio temprato.

Tuttavia, il declino della popolarità di Eiserman rimane misterioso e quindi interessante da discutere.

Dopotutto, i marcatori puri come lui sono estremamente rari. E ha segnato tantissimi gol in questa stagione.

Quindi, con un talento così grande, come diavolo possiamo spiegare il suo declino agli occhi degli analisti?

L’autore di queste righe ha preso di mira proprio due aspetti del gioco di Eiserman che sollevano interrogativi e… li ha sottoposti al principale interessato, a cui l’idea è piaciuta molto.

Statistiche sorprendenti

Eiserman occupa attualmente, grazie a un totale di 124 gol, il secondo miglior marcatore nella storia del programma di sviluppo americano dietro… un certo Cole Caufield.

In questa stagione il suo record è stato questo: 55 gol e 86 punti in 54 partite con la squadra U18 della struttura.

“Segnare gol è qualcosa che mi piace fin dall’inizio della mia vita! So che ingannare le guardie è per me una caratteristica naturale, ma comunque non ho mai smesso di lavorarci. Trovare nuovi modi per ingannare i portieri è qualcosa di entusiasmante per me”.

L’anno scorso, a soli 16 anni, il mancino alto un metro e ottanta e pesava 198 libbre ha anche segnato 26 volte in 20 duelli tra gli U18, oltre a segnare 43 volte in 42 partite tra gli U17.

Inoltre, questa stagione 2022, dove i suoi gol totali sono stati 69, si è rivelata la seconda più prolifica nella storia del programma.

“Posso passare ore e ore ad analizzare le tecniche di ripresa di Auston Matthews e Alex Ovechkin. Penso che combinando i loro modi di deselezionare, si ottiene un arsenale abbastanza completo (risata)!

Credito fotografico: Photo Getty Images tramite AFP

“Mio padre e i miei quattro fratelli giocavano tutti a hockey. Ho anche diversi cugini che giocano. Alcuni membri della famiglia hanno giocato a livello junior o addirittura professionistico. Siamo una grande famiglia dove l’hockey è davvero al centro delle discussioni. Quindi non smetto mai veramente di pensarci. E quello mi rende felice.”

A partire da questo post, Eiserman deve ancora segnare tre gol per superare il segno di Cole Caufield. È importante per lui?

“Onestamente penso che sia più per le persone del team che per me”, risponde ridendo. Sarebbe sicuramente divertente. Penso che sia il tipo di risultato che ti dà molto rispetto per il resto della tua carriera. È sicuramente qualcosa che voglio realizzare”.

Eiserman poi lancia una frase interessante e piena di gratitudine.

“I miei compagni di squadra sono i miei principali sostenitori in tutto questo. Provano a passarmi di più il disco così posso segnare. Me ne rendo conto con il passare delle settimane. Sono davvero grato per questo.

“Lo sento spesso”

Ora, gli aspetti del gioco di Eiserman che sollevano interrogativi.

Innanzitutto, in cima alla lista, il suo gioco difensivo e la sua qualità.

Molti negli ultimi mesi hanno espresso preoccupazione per la capacità del giovane di giocare ovunque tranne che in zona offensiva.

“Lo sento spesso”, ammette l’attaccante. Penso che la gente semplicemente non veda le partite come le vedo io. Vedo l’hockey in modo diverso ed è per questo che ho sempre prodotto tanto. Penso che l’apparenza [travail] nel mio caso è qualcosa che viene affrontato davvero troppo spesso. Ma i miei allenatori e i miei compagni sanno che sto lavorando, quindi non ne sono influenzato.

Credito fotografico: Kevin Dube

“Ho dedicato molti sforzi al mio gioco dei 200 piedi negli ultimi due anni”, aggiunge. Ovviamente rimarrò sempre Cole Eiserman, il marcatore. Ma so anche che per me è importante essere coinvolto in difesa per aiutare la mia squadra a vincere.

Avendolo visto giocare diverse partite quest’anno, è vero che ha molto da affinare il suo gioco difensivamente, ma non è pigro. Spesso la sua attenzione è assorbita dal disco (perché pensa costantemente ad attaccare) ed è per questo aspetto che si rende colpevole di errori nella copertura della zona. Non sarà mai un Jonathan Toews, ma non rifiuta il ritiro difensivo e non rallenta nelle sue battaglie per il disco.

Un “mangiatore di dischi”?

Un altro commento che emerge abbastanza spesso nel caso di Eiserman è il fatto che tiene il disco sulla racchetta troppo a lungo.

La risposta di Eiserman?

“Mi piace avere il disco, è vero. Ma penso che i miei compagni di squadra si fidino di me. Non smetterò di chiedere il disco o di controllarlo. Mi piace essere quello che detta il ritmo di una partita. Non ho intenzione di travisare nemmeno me stesso.

Secondo me, se Eiserman potesse passare un’intera partita senza fare un solo passaggio e finire la partita con gli otto gol della sua squadra, lo farebbe. Non per egoismo, ma semplicemente perché segnare è probabilmente la cosa che preferisce al mondo. Trovo però che questo aspetto del gioco del giovane sia progredito nel corso della stagione. Con il passare delle settimane capì che tutti avrebbero vinto se avesse regalato il disco più spesso. Il fatto è, del resto, che è ampiamente capace di inscenare i giochi con abilità. Qui, tuttavia, c’è ancora del lavoro da fare. Ha ancora questa tendenza ad avere una visione ristretta verso la rete quando è nel terzo attacco finale. Ci sono aspetti positivi, ovviamente, ma in certi momenti anche aspetti negativi.

“Non cambio per nessuno”

Cole Eiserman non è uno sciocco. È perfettamente consapevole di non essere unanime a margine della prossima bozza, la sua bozza.

Ma ci assicura che tutto quello che legge e sente non gli dà fastidio.

“Ho una famiglia meravigliosa che mi aiuta molto a rimanere concentrato su ciò che è importante. So che la squadra che si innamorerà di me lo farà per quello che sono veramente. Continuo a caricare a capofitto senza pensare a cosa potrebbero dire i detrattori. Non cambierò per nessuno.

Il giovane di Newburyport, Massachusetts, non esita un secondo quando gli viene chiesto che tipo di giocatore sarà una volta in NHL.

Penso che segnerò diversi gol e sfrutterò la mia stazza a mio vantaggio”.

“Diversi obiettivi”. È difficile metterlo in dubbio.

Ora Kent Hughes e i suoi accoliti (se Eiserman sarà disponibile quando parlerà il CH) dovranno decidere se le qualità del pattinatore avranno più impatto sulla squadra rispetto agli aspetti su cui dovrà lavorare.

Ma fare gol non si impara. E Cole Eiserman padroneggia alla lettera questo aspetto del gioco.

-

PREV Emmanuel Macron manda un messaggio a un dirigente!
NEXT Il forte messaggio di Dugarry sul PSG e Luis Enrique!