La Red Bull conferma la partenza di Adrian Newey all’inizio del 2025

La Red Bull conferma la partenza di Adrian Newey all’inizio del 2025
La Red Bull conferma la partenza di Adrian Newey all’inizio del 2025
-

La saga nella saga è in parte finita. In seguito al caso Christian Horner (accusato da un dipendente di comportamento inappropriato) e al grande fermento che circondava la Red Bull, Adrian Newey aveva espresso il desiderio di lasciare la squadra. Quest’ultima ha ufficializzato la notizia della sua partenza questo mercoledì. L’ingegnere britannico, 65 anni, ha fatto parte del team nel 2006, un anno dopo la sua creazione. Ha contribuito a 118 vittorie e 101 pole position (in questo totale la Red Bull conta quelle ottenute dalla Toro Rosso e Sebastian Vettel nel 2008), aggiungendosi al suo già nutrito palmares alla Williams (1991-1996) poi alla McLaren (1997-2005). ).

https://twitter.com/redbullracing/status/1785595090624270397 del progetto Formula 1, Newey continuerà a lavorare per la Red Bull fino all’inizio del 2025, in particolare per realizzare il progetto dell’hypercar RB17. Questa disposizione potrebbe consentirgli di unirsi alla sua futura squadra più rapidamente. Ferrari, Aston Martin e McLaren erano già in fila per accoglierlo ma anche la Mercedes si sarebbe aperta al suo arrivo.

Horner accoglie con favore la partenza di una vera leggenda

“Per quasi due decenni, ho avuto la fortuna di svolgere un ruolo chiave nell’evoluzione della Red Bull da nuova arrivata a squadra multi-campionato, dettagli Newey nel comunicato stampa, ma sento che è il momento giusto per passare il testimone ad altri e trovare nuove sfide per me stesso. Nel frattempo e per il resto del mio tempo con la squadra mi concentrerò sullo sviluppo della RB17. » Nei suoi ringraziamenti va notato che solo una persona, Christian Horner, è nominata solo con il suo nome, anche se Newey dice di lui “che era non solo un compagno di lavoro ma anche un amico delle nostre rispettive famiglie”.

Lo dichiara il boss del team Red Bull “La sua visione e intelligenza ci hanno permesso di vincere 13 titoli in 20 stagioni. La sua capacità di progettare, di abbracciare il cambiamento comprendendo le regole più importanti su cui concentrarsi e il suo insaziabile desiderio di vincere hanno contribuito a rendere la Red Bull una forza ancora più grande di quanto il compianto Dietrich Mateschitz avesse mai immaginato. Ci lascerà lo status di una vera leggenda. È anche mio amico e qualcuno a cui sarò per sempre grato. La sua eredità continuerà a riecheggiare nelle sale di Milton Keynes e l’RB17 sarà un giusto tributo al tempo che ha trascorso con noi. »

-

PREV Il governo russo ha bloccato il conto bancario di Alex Ovechkin
NEXT Il pollice piccolo dell’Euro svela la sua selezione, con diversi giocatori che hanno militato nel nostro campionato – Tutto calcio