ATPDubai | Andrey Rublev, l’incredibile squalifica: “Perdere i nervi così…”

-

È una crepa. Un vero. Capace di grandi scoppi d’ira, Andrey Rublev ha perso ancora una volta i nervi questo venerdì nella semifinale del torneo di Dubai. Questa volta, il russo ha oltrepassato allegramente il limite dell’accettabile ed è stato logicamente squalificato mentre si preparava ad avvicinarsi al momento dei soldi di una partita estremamente tesa contro Alexander Bublik (6-7, 7-6, 6-5).

Dopo aver perso quest’ultima partita, il 5° giocatore al mondo si è precipitato verso il guardalinee urlando, probabilmente furioso perché quest’ultimo non aveva segnalato una palla che considerava “fallo”. Il giocatore si è poi rivolto alla sua panchina, probabilmente pensando che la sua furia sarebbe rimasta senza conseguenze.

Il guardalinee capisce il russo

Ma il secondo guardalinee, installato a pochi metri di distanza e quindi in prima fila ad assistere a questa scena, ha ascoltato tutto. Ovviamente. E ben compreso. Mentre il collega restava impassibile, senza nemmeno guardare Rublev, sentiva di aver capito il contenuto di una parte del discorso del giocatore, fatto in russo. E quindi li ha segnalati al giudice di sedia, che ha contattato lei stessa il supervisore.

Andrey Rublev attacca il guardalinee

Credito: Getty Images

Sono le regole, fa parte della loro missioneha sottolineato successivamente il consulente di Eurosport Arnaud Clément. Quando sentono commenti, devono segnalarlo all’arbitro di sedia. Anche se qualcuno a volte fa finta di non aver sentito nulla.”

Il supervisore ha quindi convocato tutti gli attori di questa scena per confrontare Andrey Rublev con le sue azioni e ascoltare la sua versione dei fatti. “Parla russo“, ha spiegato il giudice a Rublev. Poi ha invitato l’arbitro di linea a unirsi alla conversazione: “Puoi ripetere quello che ha detto?

È davvero incredibile per un giocatore del suo calibro

Visibilmente turbato dalla situazione, il russo ha provato a difendersi, adducendo la tesi di un’espressione già pronta per giustificare le parole pronunciate successivamente, dopo aver prima urlato in faccia al suo interlocutore nella lingua di Shakespeare. Ma si rese presto conto che il suo destino era già segnato.

type="image/webp"> type="image/webp"> type="image/webp"> type="image/jpeg"> type="image/jpeg"> type="image/jpeg">>>>>>>

Andrey Rublev, il supervisore e guardalinee che afferma di aver capito le sue parole in russo

Credito: Getty Images

È davvero incredibile per un giocatore del suo calibro, in rapporto alla sua esperienza e al suo passato, alle emozioni che vive da anni sui campi…ha analizzato Clément. Perdere i nervi in ​​quel modo, in semifinale… è davvero molto speciale.”

La squalifica di Rublev è stata quindi registrata per”commenti offensiviNon giocherà la sua seconda finale dell’anno, dopo aver vinto quella di Hong Kong all’inizio di gennaio. Conseguenza diretta: il 26enne perderà quindi tutto il montepremi e i punti accumulati durante questo torneo. lascerà quindi la Top 5 del ranking ATP, in favore di Alexander Zverev.Questo crack gli è costato caro.

-

PREV Coppa Ange Lemée: il Paimpol fornisce l’essenziale contro il Plouagat
NEXT NHL: prima partita della serie tra Panthers e Lightning