No, spalmarsi di birra non ti farà abbronzare più velocemente (è addirittura fortemente sconsigliato)

No, spalmarsi di birra non ti farà abbronzare più velocemente (è addirittura fortemente sconsigliato)
No, spalmarsi di birra non ti farà abbronzare più velocemente (è addirittura fortemente sconsigliato)
-
Marina Cavusoglu / Getty Images No, spalmarsi di birra non ti farà abbronzare più velocemente

Marina Cavusoglu / Getty Images

No, spalmarsi di birra non ti farà abbronzare più velocemente

Probabilmente hai sentito parlare di persone che usano olio per bambini o olio abbronzante per abbronzarsi più velocemente e più forte. (Attenzione: può essere pericoloso!). Di recente, abbiamo visto gli utenti di TikTok ricorrere a un altro liquido per abbronzarsi meglio: la birra. Sì, hai letto bene.

Stiamo parlando di « abbronzatura alla birra », con gente che si versa birra scadente sulla pelle e si sdraia al sole ad abbronzarsi. Alcuni dicono che il luppolo nella birra può farti abbronzare più velocemente. Ma è vero?

[Note : Cet article est une traduction réalisée par la rédaction du HuffPost France, à partir d’un article paru en juillet 2024 sur le Huffington Post américain. L’article original à lire ici. Il a été traduit, raccourci et édité dans un souci de compréhension pour un lectorat francophone.]

“Ogni volta che arriva l’estate, le persone hanno idee diverse su come ottenere l’abbronzatura perfetta – e, sfortunatamente, questa è sbagliata per molte ragioni”afferma senza riserve la dottoressa Zakia Rahman, professoressa clinica di dermatologia presso l’Università di Stanford in California.

L’idea peggiore

Ricordiamo innanzitutto che gli esperti sconsigliano l’abbronzatura in generale. “Dico sempre che non esiste un’abbronzatura sicura”ricorda la dottoressa Kritika Joshi, operatrice sanitaria in Florida. “Il tuo corpo produce naturalmente melanina a seconda del tipo di pelle e dell’etnia. L’abbronzatura è il meccanismo di difesa naturale del tuo corpo per proteggerti dai danni al DNA della pelle., precisa. Questo è il motivo per cui dovresti sempre indossare una protezione solare contro i dannosi raggi UVA e UVB che possono causare cancro alla pelle e danni al DNA.

Quindi non si tratta di bagnarsi con la birra per abbronzarsi. E anche spalmarsi di birra ti aiuterà a scottarti, secondo la dottoressa Kritika Joshi. Perché bagnandoti di birra rischi di far sparire la crema solare che hai applicato.

E la birra contiene una serie di ingredienti che non hanno nulla a che fare con la buona salute della pelle. La dottoressa Zakia Rahman, ad esempio, cita uno studio pubblicato sulla rivista Antioxidants nel 2022, affermando che “i tannini del luppolo sono inibitori della tirosinasi…che è fondamentalmente l’enzima principale che può produrre melanina nella nostra pelle”.

“L’alcol nella birra secca la pelle e penso che sia l’ultima cosa che vuoi fare.” quando ci esponiamo al sole, aggiunge il dottor Rahman. Un’altra conseguenza indesiderabile? Gli insetti potrebbero essere attratti dall’odore di queste birre. Per non parlare del fatto che sentirai l’odore di birra scadente per tutti quelli intorno a te.

Metti la protezione solare

Se vuoi davvero abbronzarti, gli autoabbronzanti possono aiutarti a sembrare abbronzato senza subire danni dal sole. Esistono moltissime formule e marchi disponibili a prezzi diversi. Ma in ogni caso, se esci al sole, devi indossare la protezione solare. Nello specifico, secondo il dottor Joshi, dovresti applicare una protezione solare ad ampio spettro con un SPF pari o superiore a 50, e cercare di evitare di stare fuori tra le 10:00 e le 14:00, quando la luce solare è più intensa.

“Cerca di bloccare la maggior parte dei raggi del sole”, ha aggiunto il signor Rahman. Puoi indossare indumenti protettivi dal sole e cappelli a tesa larga o cercare l’ombra quando sei all’aperto. E in ogni caso, tieni presente: non versarti la birra sulla pelle.

Vedi anche su HuffPost:

La lettura di questo contenuto potrebbe comportare l’inserimento di cookie da parte dell’operatore terzo che lo ospita. Tenendo conto delle scelte che hai espresso riguardo al deposito dei cookie, abbiamo bloccato la visualizzazione di questo contenuto. Se desideri accedervi devi accettare la categoria di cookie “Contenuti di terze parti” cliccando sul pulsante sottostante.

Riproduci video

-

PREV attenzione alle sconsideratezze quest’estate
NEXT Carenza di prodotti sanguigni presso il centro trasfusionale di Beni