Ecco l’impressionante e disgustoso numero di batteri che ci scambiamo durante un bacio

Ecco l’impressionante e disgustoso numero di batteri che ci scambiamo durante un bacio
Ecco l’impressionante e disgustoso numero di batteri che ci scambiamo durante un bacio
-

Se alcune persone preferiscono mantenere le distanze con gli altri, ad altri piace il contatto fisico. Questo sabato 6 luglio è proprio il giornata internazionale del bacioche viene fatto quotidianamente dalla maggior parte delle persone in questo mondo, ma che può trasmettere batteri.

Sebbene questa pratica sia quindi molto comune, può presentare anche alcuni svantaggi. Infatti, il contatto fisico tra due persone, in particolare durante un bacio, si traduce in uno scambio di numero impressionante di batteri. Alcuni paesi preferiscono quindi limitare il contatto fisico.

In Francia, molti batteri si trasmettono attraverso la vicinanza tra le persone.

In Francia e soprattutto in Europa, il concetto di spazio abitativo e la vicinanza tra tutti è diversa che in altri paesi del mondo. Se qui la distanza tra gli individui è di circa 0,8 metri, altre culture non hanno le stesse pratiche e incoraggiano i loro abitanti a stare piuttosto distanti gli uni dagli altri. I francesi, ad esempio, hanno nelle loro abitudini l’ baciarsi per salutarsi a differenza degli asiatici che non hanno alcun contatto pelle a pelle e ancor meno sul viso. Preferiscono, infatti, salutarsi da lontano o regalarsi una sorta di abbraccio discreto.

Tuttavia, all’interno della stessa famiglia, questa distanza può ridursi a 40 centimetri e all’interno di una coppia, a 20 centimetri. In effetti, questa nozione può evolvere in base alle relazioni, tenendo sempre più lontane le persone che non fanno parte della cerchia degli amici più stretti, del coniuge o della famiglia. Sebbene questa vicinanza possa essere più o meno piacevole per alcuni, porta comunque ad uno scambio di batteri molto significativo, anche se non avviene il contatto. solo con le mani.

Durante uno scambio di baci vengono trasmessi molti batteri

Ogni parte del corpo umano contiene batteri che possono essere trasmessi attraverso il tatto, ma anche attraverso la saliva. Infatti, le mani e la bocca contengono diverse centinaia di tipi diversi di batteri e microbi, 700 in più per la bocca. Quando due persone si stringono la mano, vengono trasmessi migliaia di batteri. Lo stesso vale per altri tipi di contatti come ” controllo “ con i punti o « cinque alto » con le mani destre.

Per le coppie e le persone che frequentano qualcuno, uno studio olandese lo ha scoperto più di 80 milioni di batteri si scambiano durante un bacio della durata di dieci secondi e con la lingua. Inoltre, le persone si baciano in questo modo più di nove volte al giorno condividono gli stessi batteri e germi. Ciò spiega il fatto di ammalarsi quando è malata anche la persona che condivide la nostra vita.

credito foto: Shutterstock Il contatto fisico tra due persone porta ad un impressionante scambio di batteri.

Distanziarsi dagli altri per evitare la trasmissione di batteri o virus è diventata una pratica comune dopo l’epidemia di covid-19.

Da
l’epidemia di covid-19
, le distanze sociali tra gli individui sono aumentate. Infatti, è stato innanzitutto raccomandato dalle autorità sanitarie di mantenere a
distanza di almeno un metro, ma soprattutto di non salutarsi più né con un bacio né con strette di mano o altri gesti tattili. Lo scopo era quello ridurre al minimo la trasmissione di batteri e virus durante queste azioni.

David Le Breton, sociologo dell’Università di Strasburgo, ha giustamente paragonato il non avere più il contatto fisico per salutarsi con indossando una maschera Durante l’epidemia “Ha poco effetto sui nostri rapporti con le persone, a differenza della maschera. Indossarlo ci rende meno identificabili e nascondere le nostre emozioni. Di solito adattiamo le nostre parole in base alla loro risonanza con il nostro interlocutore, che si esprime sul suo volto. Non sapere cosa prova l’altro ci mette in una situazione scomoda”.

-

PREV La patata, alleata contro il rischio di ipertensione
NEXT “Prevenire è un altro modo di curare”, con HosCare’Tour, gli operatori sanitari che incontrano i più vulnerabili