In Australia, l’influenza aviaria costringe McDonald’s a ridurre il servizio di colazione

In Australia, l’influenza aviaria costringe McDonald’s a ridurre il servizio di colazione
In Australia, l’influenza aviaria costringe McDonald’s a ridurre il servizio di colazione
-

L’influenza aviaria sta interrompendo le forniture di uova in Australia, dove McDonald’s è stato costretto a ridurre di un’ora e mezza il servizio di colazione.

Colazione sconvolta in Australia per McDonald’s. Il colosso americano del fast food è stato costretto a ridurre il servizio di colazione nei suoi ristoranti australiani a causa della carenza di uova causata dall’influenza aviaria, riferisce Reuters.

In un comunicato condiviso sui propri social, la filiale locale di McDonald’s spiega ai propri clienti che il servizio di colazione verrà ora interrotto alle 10:30, rispetto alle consuete 12:00.

La catena di fast food è costretta a “gestire con prudenza [ses] fornitura di uova” a causa delle “attuali difficoltà” dell’industria del pollame, spiega McDonald’s Australia, precisando di voler continuare a offrire colazioni “con uova fresche australiane”. “Stiamo lavorando duramente con i nostri allevatori e fornitori australiani per garantire che la La situazione tornerà alla normalità il più rapidamente possibile” nei ristoranti australiani, ha aggiunto la società.

1,5 milioni di uccelli macellati

L’influenza aviaria ha portato alla macellazione di circa 1,5 milioni di uccelli nelle fattorie australiane, riferisce Reuters. Nelle ultime settimane, diversi ceppi di influenza aviaria ad alta patogenicità hanno colpito una decina di allevamenti di pollame, la maggior parte dei quali produttori di uova, nel sud-est del continente insulare. Abbastanza da interrompere la fornitura di uova, anche se meno del 10% delle galline ovaiole alla fine è stata colpita dall’epizoozia.

Jeremy Bruno Giornalista BFMTV

I più letti

-

PREV gli esseri umani assorbono le microplastiche, aumentando il rischio di cancro, diabete e malattie cardiache
NEXT Gli scienziati sconsigliano l’uso della spugna magica