Buone abitudini abbronzanti da adottare quest’estate

Buone abitudini abbronzanti da adottare quest’estate
Buone abitudini abbronzanti da adottare quest’estate
-

Il sole… questa stella che appena brilla e brilla di mille luci ci mette allegria, è tuttavia un formidabile nemico della pelle. Tuttavia è possibile tutelarsi al meglio per trarne realmente beneficio. Ti diciamo tutto!

Fai attenzione ai raggi UV ogni giorno

Se applicare la protezione solare è generalmente diventato un riflesso in spiaggia o in piscina, dovrebbe essere lo stesso in estate in città. Perché il sole splende ovunque, anche in terrazza o in giardino, senza contare che, se il tempo è grigio, i raggi UV passano comunque attraverso le nuvole o una finestra. Da qui l’importanza di scegli un asilo nido con protezione solare, perché dovresti sapere che i raggi UV non hanno tutti lo stesso impatto sulla pelle. Pertanto, i raggi UVA sono responsabili della comparsa della prima abbronzatura, ma penetrano più in profondità nei diversi strati della pelle accelerare l’invecchiamento. Mentre gli UVB agiscono un po’ più superficialmente e sono la causa delle scottature. Senza dimenticare la luce blu, che fa parte della luce visibile e che attacca quotidianamente la pelle aumento dello stress ossidativoe quindi il rischio della comparsa di disturbi pigmentari.

Scegli saggiamente il tuo SPF

L’SPF (per Fattore di protezione solare o Fattore di Protezione Solare) è a indice che specifica il grado di protezione di un prodotto contro i raggi UVB. Quindi, più è alto, più filtrerà questi stessi raggi UVB. Ad esempio, un SPF 50 può filtrare il 99% dei raggi, mentre un SPF 30 ne filtrerà, senza molta differenza, il 97%. Entrambi quindi non impediscono assolutamente l’abbronzatura della pelle, anzi lo fanno i migliori garanti per limitare al massimo i danni dovuti al sole. Per quanto riguarda la protezione contro i raggi UVA, essa è simboleggiata da un logo, rappresentato dal termine UVA circondato da un cerchio. E per poter apporre questo logo su un prodotto solare, quest’ultimo deve avere una protezione corrispondente a un terzo del suo SPF.

Utilizza al meglio il tuo prodotto solare

L’SPF di un prodotto viene calcolato in laboratorio secondo standard precisi, basato sull’applicazione di 2 mg di prodotto per centimetro quadrato di pelle, l’equivalente di 6 cucchiaini di crema corpo per un adulto. Ma la realtà è spesso molto diversa, con un’applicazione piuttosto negligente, che alla fine si traduce in una minore protezione. Da qui l’importanza di applicare il prodotto in quantità sufficientee soprattutto rinnovare questa applicazione ogni 2 ore per essere sempre ben protetti. Ma attenzione, è meglio non utilizzare il vostro prodotto solare da un anno all’altro, una volta aperto. Perché esposto al sole e al caldo, perde progressivamente la sua efficacia. Meglio, una volta tornati dalle vacanze, concludere il tubo o il flacone come trattamento viso o corpo.

-

PREV come si manifesta questo virus e quali sono le complicazioni?
NEXT Crack e cocaina stanno esplodendo in Svizzera e questo si spiega