Cancro alla pelle: ecco le zone a cui prestare attenzione

Cancro alla pelle: ecco le zone a cui prestare attenzione
Cancro alla pelle: ecco le zone a cui prestare attenzione
-

Se sei mai stato da un dermatologo per problemi della pelle, conosci la procedura: preparati per uno studio che si concentra sulle parti del corpo a cui non pensi o che non esponi mai al sole. La maggior parte delle persone associa il cancro della pelle all’esposizione al sole, alla crema abbronzante e all’applicazione impropria della protezione solare. Tuttavia, risulta che molti tumori della pelle si verificano senza l’azione del sole e dei suoi potenti raggi UV.

“Il cancro della pelle può essere subdolo”, afferma Alix Charles, una dermatologa certificata che esercita a Hinsdale, negli Stati Uniti. I casi più gravi di cancro della pelle sembrano svilupparsi in zone non esposte al sole. Luoghi che, se dimenticati, possono portare a diagnosi tardive, cure invasive e casi di cancro più gravi.

Ecco perché i dermatologi vogliono che tu ridefinisca il rapporto con la tua pelle, soprattutto i suoi angoli più segreti.

Il cancro della pelle può manifestarsi in diversi modi. La maggior parte dei casi sono associati ad anni di esposizione ai raggi ultravioletti del sole. Se illuminano la superficie terrestre, attraversano la nostra atmosfera ed espongono la pelle umana al rischio di cancro.

I raggi UV più dannosi si vedono tra le 10:00 e le 16:00, quando il sole è allo zenit. Tuttavia, l’occhio umano non è in grado di rilevare i raggi UV, che hanno lunghezze d’onda più corte della luce visibile e possono danneggiare la pelle anche nelle giornate nuvolose. Un’eccessiva esposizione ai raggi ultravioletti è associata a due delle forme più comuni di cancro della pelle, il carcinoma basocellulare e il carcinoma cutaneo a cellule squamose. Sebbene la genetica abbia un ruolo in questi due tumori comuni, l’esposizione ai raggi UV non aiuta. Questi danneggiano il DNA delle cellule della pelle, aumentando il rischio di mutazioni mentre il corpo cerca di combattere e riprendersi.

Questa forma più invasiva di cancro con alto potenziale metastatico può talvolta essere causata da un’intensa esposizione ai raggi UV, ma si ritiene anche che possano contribuire mutazioni genetiche ereditarie e acquisite e un sistema immunitario indebolito. E a differenza dei tumori della pelle a crescita lenta, i melanomi possono diffondersi, formando nuovi tumori in altre parti del corpo mentre il cancro aggressivo passa attraverso il sistema linfatico e il flusso sanguigno.

Dermatologi come Alix Charles affermano che è essenziale monitorare la salute della pelle, anche nelle aree meno intuitive che non ricevono molta esposizione al sole.

“C’è quasi sempre la possibilità di individuare visivamente il cancro della pelle”, afferma Charles, anche in luoghi dove la maggior parte delle persone non penserebbe di controllare.

Unghie delle mani e dei piedi: “Bob Marley è morto di melanoma che aveva avuto origine sotto l’unghia del piede”, spiega Alix Charles. Conosciuti come melanomi subungueali, i tumori che si formano sotto le unghie appaiono spesso come strisce scure verticali di colore marrone-nero, sulla pelle sotto l’unghia dell’alluce, del pollice e dell’indice. Sebbene relativamente rari, questi melanomi sono il tipo maligno più comune nei pazienti neri, asiatici e ispanici.

Orecchie : Le orecchie sono spesso esposte al sole. Ma ospitano anche angoli e fessure più oscuri che possono facilmente nascondere tumori gravi. Tuttavia, a causa della forma unica delle orecchie, è facile non notare i tumori della pelle nelle fessure delle orecchie. Inoltre, le diagnosi tardive sono comuni in molti pazienti.

Gli occhi : Sebbene sia raro, alcuni casi di cancro della pelle possono svilupparsi all’interno degli occhi. Possono apparire macchie scure sull’iride o nel bianco dell’occhio. Il carcinoma a cellule di Merkel, un raro tumore di un tipo specifico di cellule nello strato superiore della pelle, di solito appare come una piccola protuberanza compatta sulla palpebra. È uno dei tipi di cancro più aggressivi, con un tasso di mortalità del 40% e un alto tasso di recidiva.

I genitali: Chiedere informazioni su lesioni sospette nella zona inguinale può essere imbarazzante, ma il cancro della pelle può svilupparsi anche sulla pelle che riveste la vulva e il pene o all’interno della vagina e della cervice. “Una volta ho avuto una paziente che era imbarazzata nel chiedermi di guardare i suoi genitali”, dice Charles. “Si è scoperto che aveva una lesione vulvare atipica che era un cancro della pelle. La maggior parte delle donne non pensa di controllare la propria area vulvare, ma lì può svilupparsi il cancro della pelle”. Anche se il sole non colpisce queste zone sensibili, la formazione del cancro della pelle in queste zone segue generalmente l’evoluzione delle regioni più esposte, con lesioni simili a nei che si evolvono nel tempo.

I piedi : Il cancro della pelle può comparire anche sulla pianta dei piedi. L’American Academy of Dermatologists riferisce che per le persone di origine africana e asiatica, i piedi e le mani sono le sedi più comuni per i melanomi. I pazienti devono controllare tra le dita dei piedi, sulla pianta dei piedi e sulla parte superiore e laterale di ciascun piede.

Cranio : Potresti spalmarti la crema solare sul viso quando esci, ma stai trascurando la parte dei capelli? Grosso errore, secondo Charles, che spesso nota tumori della pelle sul cuoio capelluto dei suoi pazienti. Sebbene il melanoma del cuoio capelluto sia più comune nei pazienti con zone calve o capelli diradati, può anche nascondersi sotto i capelli folti. Questo è il motivo per cui i dermatologi consigliano di applicare la protezione solare sulla pelle prima di uscire.

Il lungo elenco di siti controintuitivi di cancro della pelle può sembrare allarmante, ma Alix Charles afferma che è sorprendentemente facile individuare la maggior parte dei tumori della pelle se chi ci circonda si prende il tempo di guardare la nostra pelle.

“Dai credito alla tua dolce metà, al tuo coniuge e ai tuoi amici: possono letteralmente salvarti la vita”, dice. Se noti sviluppi preoccupanti, consulta un dermatologo il prima possibile. “Quanto prima viene rilevato un cancro della pelle, migliore è la prognosi, più piccola è la cicatrice e meno probabile è che il cancro si diffonda”, spiega Charles.

Per sapere se una macchia o un neo devono preoccuparvi è consigliabile seguire la “regola ABCDE”. Se hai una macchia che ha a hasimmetria, a Bordine irregolare, controcolore variabile, a Ddiametro maggiore di sei millimetri o quale esi evolve e cambia nel tempo, è necessario consultare il medico. Se hai una storia familiare di cancro della pelle, una storia di frequenti scottature solari o una carnagione chiara, potrebbe essere utile programmare controlli regolari con un dermatologo.

Ma tutti dovrebbero controllare regolarmente la propria pelle, dice Charles, anche le persone con tonalità della pelle più scure. “In caso di dubbio, non c’è nulla di male nel consultare un dermatologo per valutare i rischi”, aggiunge. L’attenzione ai dettagli del tuo medico potrebbe incoraggiarti a monitorare meglio le aree grigie del tuo corpo, per ogni evenienza.

-

NEXT risorse ma anche punti di vigilanza