Malattia dengue: un nuovo vaccino prequalificato

Malattia dengue: un nuovo vaccino prequalificato
Malattia dengue: un nuovo vaccino prequalificato
-

In un comunicato stampa reso pubblico, l’Organizzazione Mondiale della Sanità informa della prequalificazione di un nuovo vaccino contro la dengue.

Un nuovo vaccino contro la dengue è stato prequalificato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). TAK-003 è il secondo vaccino contro la dengue ad essere prequalificato dall’OMS. Sviluppato da Takeda, si tratta di un vaccino vivo attenuato contenente forme indebolite dei quattro sierotipi del virus responsabile della dengue. L’OMS raccomanda l’uso di TAK-003 nei bambini di età compresa tra 6 e 16 anni in aree ad alta intensità di trasmissione della dengue.

Il vaccino dovrebbe essere somministrato secondo uno schema a 2 dosi, con un intervallo di 3 mesi tra le dosi», precisa il comunicato stampa. Secondo il dottor Rogerio Gaspar, direttore del Dipartimento di regolamentazione e prequalificazione dell’OMS, la prequalificazione del TAK-003 è un passo importante nell’espansione dell’accesso globale ai vaccini contro la dengue, poiché ora possono essere acquistati dalle organizzazioni del sistema delle Nazioni Unite, in particolare UNICEF e Op. Ha continuato: “Con solo due vaccini contro la dengue prequalificati fino ad oggi, non vediamo l’ora che altri produttori di vaccini presentino nuovi vaccini da valutare, in modo da poter garantire che tutte le comunità che ne hanno bisogno ricevano vaccini”.

Si noti che l’elenco di prequalificazione dell’OMS comprende anche il vaccino CYD-TDV contro la dengue sviluppato da Sanofi Pasteur. La dengue è una malattia trasmessa da vettori attraverso la puntura di una zanzara infetta. La dengue grave è una complicanza pericolosa per la vita che può svilupparsi dall’infezione da virus dengue. “Si stima che ogni anno nel mondo si verifichino tra i 100 e i 400 milioni di casi di dengue e che 3,8 miliardi di persone vivano in paesi in cui la malattia è endemica, la maggior parte dei quali si trova in Asia, in Africa e nelle Americhe.

L’anno 2023 ha visto il numero più alto di casi di dengue mai segnalati, con la regione delle Americhe dell’OMS che ha segnalato 4,5 milioni di casi e 2.300 decessi. È molto probabile che i casi di dengue aumenteranno e si espanderanno geograficamente a causa del cambiamento climatico e dell’urbanizzazione”, informa l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

AB

-

NEXT risorse ma anche punti di vigilanza