Una serie di interventi di chirurgia estetica per pazienti rimandati a casa senza troppe cerimonie

Una serie di interventi di chirurgia estetica per pazienti rimandati a casa senza troppe cerimonie
Una serie di interventi di chirurgia estetica per pazienti rimandati a casa senza troppe cerimonie
-

Sono in aumento le storie drammatiche di donne che hanno subito interventi di chirurgia estetica catastrofici in Türkiye. Questi pazienti spesso si ritrovano con postumi sia fisici che psicologici.. I pazienti, come Sara Platt, hanno avuto la vita sconvolta dopo che le operazioni sono andate male e li hanno lasciati in condizioni critiche. Sara, madre di quattro figli, originaria del Galles, ha deciso di sottoporsi un intervento di addominoplastica, lifting del seno e delle bracciapensando di migliorare il suo benessere, come spiegato Lo specchio.

Tuttavia, il risultato di questa serie di procedure cosmetiche si è rivelato un incubo medico. Il suo stomaco ha davvero “esploso“Mi ha distrutto totalmente la vita, mi ha cambiato come persona”, confida. Impossibilitata ad alzare correttamente le braccia a causa di un intervento di brachioplastica mal eseguito, Sara ha dovuto sottoporsi nientemeno che a nove interventi chirurgici, compreso un innesto di pelle prelevato dalla sua gamba per riempire il buco nell’addome. Ma in seguito all’incuria medica che ha subito, Sara soffre di un complesso stress post-traumatico.

Conseguenze disastrose

Nonostante le sfide che deve affrontare, Sara lotta per ottenere giustizia e riparazione per i torti subiti. Ha intrapreso un’azione legale contro il chirurgo responsabile del suo calvarioevidenziando così la necessità di una regolamentazione più severa nel campo della chirurgia estetica internazionale.

Storie come quella di Sara evidenziano l’importanza della vigilanza e della ricerca approfondita prima di sottoporsi a un intervento di chirurgia estetica all’estero. Sebbene i prezzi interessanti possano sembrare allettanti, devono essere considerati i rischi potenziali e le conseguenze disastrose. È essenziale che le autorità sanitarie nazionali e internazionali rafforzino la regolamentazione e il controllo delle pratiche chirurgiche all’estero, garantendo la sicurezza e il benessere dei pazienti.

Turismo estetico in Türkiye: una tendenza preoccupante

Negli ultimi anni la Turchia si è affermata come una delle principali destinazioni del turismo estetico. Nel 2023, il Paese ha accolto 1,4 milioni di turisti sanitari, più del doppio rispetto al 2021. Questa crescita fulminea può essere spiegata da diversi fattori: prezzi accessibili rispetto ai paesi occidentali, qualità delle cure riconosciuta a livello internazionale, ampia gamma di servizi disponibili e infrastrutture moderne. Tuttavia, come dimostra la storia di Sara Platt, alcuni medici non sono senza scrupoli.

Sebbene i prezzi possano essere interessanti, sono molti i pericoli legati al turismo estetico in Türkiye. Infatti, alcune strutture non esitano a sfruttare questa attrazione per proporre prezzi molto bassi, senza che la qualità delle cure sia all’altezza. Inoltre, molti pazienti soffrono della mancanza di follow-up postoperatorio. Una volta tornato nel suo paese d’origine, il paziente potrebbe infatti ritrovarsi senza un adeguato follow-up medico in caso di complicanze.

-

PREV “Decifrare la danza delle cellule immunitarie per comprendere meglio il cancro”
NEXT Questa marca di yogurt dovrebbe essere evitata secondo 60 milioni di consumatori