Insolito. Birrificio automatico: come ubriacarsi senza bere alcolici?

Insolito. Birrificio automatico: come ubriacarsi senza bere alcolici?
Insolito. Birrificio automatico: come ubriacarsi senza bere alcolici?
-

I media belgi hanno riportato la storia insolita di un automobilista belga. Questo quarantenne è comparso lunedì 22 aprile a Bruges dopo essere stato sottoposto due volte nel 2022 al test per un tasso di alcol nel sangue eccessivamente elevato.

Tuttavia, è stato assolto dal tribunale. La ragione ? L’uomo è riuscito a dimostrare di soffrire della sindrome dell’autobirrificio, chiamata anche autofermentazione.

Cos’è questa sindrome?

La sindrome dell’autobirrificio è una sindrome rara in cui l’ingestione di cibi ricchi di carboidrati provoca la produzione di lieviti nel tratto digestivo di etanolo.

“Le concentrazioni ematiche di etanolo riscontrate in questi pazienti sono significative, fino a 4 g/l, e possono essere responsabili di sintomi simili a quelli osservati nell’avvelenamento acuto da etanolo”, sottolinea un articolo pubblicato nell’agosto 2020 sulla rivista Tossicologia analitica e clinica.

Il paziente si ritrova quindi intossicato. 4 g/L corrispondono a valori che possono portare al coma alcolico e, nei casi più gravi, alla morte. A medio termine possono comparire sintomi di alcolismo cronico.

Cosa causa la sindrome del birrificio automatico?

Secondo la rivista Tossicologia analitica e clinicaquesta sindrome è spesso causata da una patologia digestiva o da uno squilibrio della flora intestinale.

L’Associazione francese dei dietisti-nutrizionisti menziona casi di diabete, obesità e morbo di Crohn associato. “Quest’ultimo può essere primario o secondario al trattamento antibatterico favorendo la proliferazione di germi fungini che saranno responsabili della fermentazione degli zuccheri. »

Il primo caso di autofermentazione fu segnalato nel 1948 in un bambino di cinque anni in Uganda. Un altro articolo da Tossicologia analitica e clinica, di dicembre 2020, propone diversi fattori di rischio sulla base di una revisione dei rari casi noti:

  • Consumo eccessivo di carboidrati
  • terapia antibiotica ripetuta, causando una distruzione del microbiota intestinale
  • intervento chirurgico addominale
  • la proliferazione di germi della famiglia Candida o Saccharomyces
  • una patologia metabolica, gastrointestinale o epatica.

Quale supporto?

La diagnosi si basa su “la ricerca dell’anamnesi personale e familiare, le analisi biologiche, un colloquio dettagliato, un’endoscopia e un test di stimolazione dei carboidrati dopo assorbimento di 200 g di glucosio e misurazione dell’etanolo in tempi diversi”.

La gestione si basa sull’interruzione della terapia antibiotica, un trattamento antifungino, volto a ripristinare la flora intestinale e a limitare la fermentazione degli zuccheri.

Il trattamento è associato ad una dieta povera di zuccheri e, in alcuni casi, all’assunzione di probiotici. A volte è necessario il follow-up da parte di un tossicodipendente perché il paziente può sviluppare una dipendenza dall’alcol.

Poiché per l’automobilista belga giudicato lunedì la sindrome dell’autobirrificio pone problemi medico-giudiziari.

Conseguenze serie

Dalla semplice multa all’incarcerazione, le conseguenze possono essere gravi per il paziente. “A causa delle sue implicazioni sociali e legali, la sindrome di autofermentazione dovrebbe essere presa in considerazione in qualsiasi paziente con una concentrazione di etanolo regolarmente elevata che nega insistentemente di aver ingerito alcol, anche se “Si tratta di un fenomeno molto raro e ancora controverso”, Nota Tossicologia analitica e clinica.

Fonte : Produzione endogena di etanolo in soggetti viventi: sindrome dell’auto-birrificio, Tossicologia analitica e clinica, dicembre 2020 – Etanolomia positiva senza consumo di alcol in soggetti viventi: sindrome dell’auto-birrificio. Conseguenze cliniche e medico-giudiziarie, Tossicologia Analitica e Clinica, agosto 2020

-

PREV Salute. Quando il colore della tua lingua ti dice la tua salute
NEXT Nutrizione. Frutti di bosco, quinoa… Quali sono i superfood per la salute?