Cancro: la Francia in fondo alla classifica per lo screening – 14/05/2024 – Notizie

Cancro: la Francia in fondo alla classifica per lo screening – 14/05/2024 – Notizie
Descriptive text here
-

Sicuramente la Francia è in testa alla classifica per quanto riguarda il tasso di sopravvivenza a cinque giorni per il cancro al seno (87% contro l’83% a livello europeo) e per il cancro alla prostata fino al 93% contro l’87% della media europea. D’altro canto, è in ritardo in termini di prevenzione. Il tasso di screening del cancro al seno è quindi inferiore di 7 punti alla media europea: 46,9% contro il 54% degli altri Paesi europei. Per quanto riguarda il cancro del colon-retto, il divario è meno significativo: 34,6% contro il 36% in Europa.

Punto positivo: è meglio posizionata per lo screening del cancro della cervice 58,8% rispetto al 56% del resto d’Europa. Tuttavia, la copertura vaccinale contro il papillomavirus resta insufficiente: solo il 42% delle ragazze tra i 9 e i 14 anni è vaccinato, mentre l’obiettivo europeo è del 90%.

Prevenire i fattori aggravanti: tabacco e alcol

Secondo l’Organizzazione europea contro il cancro, la Francia deve porre maggiormente l’accento sulle campagne di prevenzione. In Francia, infatti, i fumatori giornalieri di sigarette sono il 25,3% contro il 18,8% in Europa. “La Francia è il secondo paese in Europa dove si fuma di più. Questo fumo eccessivo uccide ogni anno più di 48.000 francesi, fino al 60% in più che in altri paesi europei», lamenta il rapporto. Secondo i risultati di questo studio, anche l’alcol viene consumato in quantità maggiori – 10,5 litri contro 10 litri in Europa -.

Lotta contro i deserti medici

Il rapporto denuncia anche la mancanza di badanti. La Francia ha 1,52 oncologi ogni 100.000 abitanti, la media europea è di 3,76 e 858 infermieri ogni 100.000 abitanti in Francia rispetto a 879 in Europa. Se l’Organizzazione europea per il cancro accoglie con favore il lancio della strategia decennale di lotta contro il cancro per il periodo 2021-2030, invita la Francia a lottare efficacemente contro i deserti medici per favorire l’accesso agli operatori sanitari. Infine, raccomanda di adottare l’età minima di 21 anni per l’acquisto di tabacco e di aumentare le campagne di screening contro il cancro a livello nazionale.

-

PREV Meno testosterone, più rischio di mortalità?
NEXT l’agopuntura dell’orecchio riduce i sintomi