Graulhet. Un luogo di tregua per i bambini con disabilità

Graulhet. Un luogo di tregua per i bambini con disabilità
Graulhet. Un luogo di tregua per i bambini con disabilità
-

l’essenziale
Il progetto di creare uno spazio sensoriale per i bambini con disabilità e bisogni speciali è stato proposto dall’Amicale Laïque, rappresentata dalla presidente Sophie Escobar, durante l’edizione 2023 del bilancio partecipativo. Un’iniziativa sostenuta dal consiglio dipartimentale del Tarn.

“Per questa seconda edizione, 28 vincitori hanno beneficiato di un finanziamento del Dipartimento per un milione di euro”, afferma il suo presidente, Christophe Ramond. I Tarnai si sono fortemente mobilitati per scegliere diversi progetti, compreso questo che promuove l’inclusione e il benessere delle persone con disabilità nella regione.

Inaugurato venerdì 3 maggio presso la Maison de l’Enfance associata alla scuola Victor Hugo, lo spazio Snoezelen è stato progettato e allestito da Habiba Gharbi, aiutato da alcuni bambini, tra cui Elise, Annouk, Celia, Enola, Mira, Imran, Elin , studenti della scuola.

Uno spazio sensoriale

“Snoezelen è un’attività vissuta in un luogo illuminato da una luce soffusa e cullata da una musica soft”, spiega Marie-Charlotte Jallerat, coordinatrice dell’ALG. “È uno spazio sensoriale che permette di stabilire un rapporto di comunicazione privilegiata, necessario per la creazione di contatti che contribuiscono al benessere e allo sviluppo dei bambini.

Questo spazio è stato aiutato anche dal comune di Graulhet e può ospitare 8 persone. Sarà utilizzato da insegnanti, AESH, psicologi e bambini del sistema ULIS. “L’importante è che i bambini possano ritrovarsi in pace, fuori dal collettivo”, aggiunge Marie-Charlotte. Non resta che utilizzarlo in attesa di realizzarne un secondo presso il centro vacanze di Courbe, che accoglie diverse centinaia di bambini in determinati giorni e deve necessariamente disporre di uno spazio di riposo specifico.

-

PREV per l’OMS la minaccia più grande – La Nouvelle Tribune
NEXT Malattie genetiche e marcia di solidarietà