Febbre di Lassa: dobbiamo temere un’epidemia in Francia? : Notizia

Febbre di Lassa: dobbiamo temere un’epidemia in Francia? : Notizia
Febbre di Lassa: dobbiamo temere un’epidemia in Francia? : Notizia
-

Un primo caso di febbre di Lassa è stato rilevato in Francia, nella Val-de-Marne. Questa febbre emorragica virale, diffusa soprattutto nell’Africa occidentale, non dovrebbe tuttavia diffondersi in Francia, riferisce La Dépêche.

Una malattia rara e poco conosciuta in Francia. La febbre di Lassa è appena comparsa in Francia con un primo caso rilevato nella Val-de-Marne. Secondo le informazioni di BFMTV, il paziente è attualmente ricoverato presso l’ospedale militare Bégin di Saint-Mandé. Lo stato di salute di questo soldato di ritorno dall’estero “non destare preoccupazione”ha rassicurato il Ministero della Salute, riferito dai nostri colleghi di Le Parisien.

Scoperta nel 1969 in Nigeria, la febbre di Lassa si manifesta principalmente nell’Africa occidentale. Lei è “classificata come febbre emorragica virale, come l’Ebola”, indica il professor Christophe Rapp, specialista in malattie infettive dell’Ospedale americano di Parigi a Neuilly, a La Dépêche, sabato 4 maggio. I sintomi sono abbastanza difficili da rilevare. “È una febbre che somiglia all’influenza o alla malaria. Ci sono pochi segnali suggestivi perché le emorragie arrivano dopo”.spiega il professore al quotidiano regionale.

“Non sarà mai un’epidemia come quella del Covid-19”

La febbre di Lassa non si trasmette per via respiratoria, il che limita il rischio di epidemia. “Si trasmette solo in caso di contatto con i fluidi del paziente derivante da una mancanza di precauzione da parte di chi lo assiste”, precisa il professor Christophe Rapp a La Dépêche. Lo specialista è abbastanza rassicurante: “Il potenziale epidemico della febbre emorragica di Lassa in Francia a seguito dell’importazione di questo caso è vicino allo zero. Non sarà mai un’epidemia come quella del Covid-19”.. Nell’Africa occidentale il rischio nosocomiale è maggiore. In questa regione del mondo, la malattia colpisce tra 100.000 e 300.000 persone all’anno e causa la morte tra 5.000 e 6.000 di loro, secondo l’Istituto Pasteur.

pubblicato il 5 maggio alle 12:10, Cédric Alexis, 6Medias

suddividere

-

PREV Come combattere i batteri resistenti agli antibiotici?
NEXT Questi tumori otorinolaringoiatrici “facilmente prevenibili”.