“Le mie figlie cresceranno sane.”

-

Il vaccino contro il morbillo fa parte della vaccinazione infantile di routine. Grazie alla vaccinazione sostenuta dal 2001 dall’iniziativa globale per l’eliminazione del morbillo, il morbillo era quasi scomparso. Ma negli ultimi dieci anni circa, il morbillo è riemerso in Mali e in tutto il mondo.

Al Centro sanitario di riferimento del loro comune, Korotimi arriva con le sue figlie Fatoumata, 4 anni, e Djénaba, 2 anni, per la vaccinazione contro il morbillo e la rosolia. La campagna di vaccinazione contro morbillo e rosolia è rivolta a ragazze e ragazzi di età compresa tra 9 mesi e 14 anni, indipendentemente dal loro stato vaccinale. Ciò consente di coprire il numero massimo di persone suscettibili al morbillo-rosolia, perché questa fascia di età è la più colpita secondo i dati di sorveglianza epidemiologica.

“Una famiglia non può essere felice se i bambini non sono sani. » Diarra Korotimi Camara.

Seduta in grembo a sua madre, Djénaba, 2 anni, rimane calma quando la signora Maiga le somministra la dose di vaccino contro il morbillo e la rosolia. L’ostetrica e vaccinatrice è abituata alle campagne vaccinali con i bambini, e sa rassicurare i suoi piccoli pazienti.

-

PREV Dovresti allenarti a stomaco vuoto per ottenere risultati migliori? Ecco la risposta molto interessante di un dietista!
NEXT L’esposizione degli uomini ai PFAS può influenzare i loro figli, afferma un nuovo studio