presto un vaccino contro il glioblastoma?

presto un vaccino contro il glioblastoma?
presto un vaccino contro il glioblastoma?
-

è una forma molto aggressiva che colpisce comunemente giovani adulti e bambini. Recentemente, la scrittrice Sophie Kinsella ha annunciato sui suoi social network di avere questa forma di cancro, che rimane difficile da curare. Ma i risultati di uno studio condotto da ricercatori dell’Università della Florida (Stati Uniti) potrebbero cambiare la situazione. Ricercatori americani hanno infatti rivelato i risultati della sperimentazione clinica di un vaccino a RNA messaggero contro il glioblastoma. Questo studio, effettuato su 4 pazienti, ha dimostrato che il vaccino aveva riprogrammato rapidamente il sistema immunitario per attaccare il tumore al cervello.

Una risposta rapida del sistema immunitario

I risultati positivi di questo studio clinico confermano i buoni risultati degli studi precedenti, effettuati prima sui roditori, poi su una decina di cani affetti da tumori al cervello. “Invece di iniettare singole particelle, iniettiamo gruppi di particelle che si avvolgono l’una attorno all’altra come cipolle, come un sacchetto pieno di cipolle. Questi cluster allertano il sistema immunitario in modo molto più profondo di quanto farebbero le singole particelle”, spiega il professor Elias Sayour, pediatra. oncologo e autore principale dello studio. Questo vaccino a RNA messaggero, somministrato per via endovenosa, ha innescato una vigorosa risposta da parte del sistema immunitario per respingere il tumore. “Ciò che ci ha detto è che noi (…)

Per saperne di più su Top Santé

5 ricette gourmet con kefir di latte per fare scorta di probiotici e curare il tuo intestino
Bastano 8 minuti di rabbia per aumentare il rischio di infarto
Ecco le 2 regioni in cui le persone bevono più alcol (e potresti rimanere sorpreso!)
Un dermatologo ci aiuta a scegliere il miglior bagnoschiuma (in base al nostro tipo di pelle)
Cioccolato: in che momento della giornata è meglio mangiarlo?

-

PREV fate attenzione a questo dettaglio riportato sulla confezione al momento dell’acquisto, avverte il dottor Cocaul
NEXT Val-de-Marne: un soldato affetto da febbre di Lassa ricoverato a Saint-Mandé