Donne e uomini sono ugualmente diseguali per quanto riguarda il peso delle principali malattie

Donne e uomini sono ugualmente diseguali per quanto riguarda il peso delle principali malattie
Donne e uomini sono ugualmente diseguali per quanto riguarda il peso delle principali malattie
-

Hanno confrontato gli anni di vita sana persi per le 20 principali cause di malattia o morte prematura tra donne e uomini di età superiore ai 10 anni a livello globale e in sette regioni del mondo, tra il 1990 e il 2021. Covid, patologie cardiovascolari, polmonari, diabete, malattie epatiche croniche, ma anche i disturbi muscolo-scheletrici, i traumi stradali, ma anche i disturbi depressivi, i disturbi d’ansia, l’Alzheimer rientrano tra le patologie prese in considerazione.

Nel complesso, secondo lo studio, nel 2021 gli uomini sono stati più colpiti da problemi che hanno portato a morti premature, come Covid, incidenti stradali, malattie cardiovascolari, respiratorie o epatiche, le donne da disturbi muscoloscheletrici, mentali o neurodegenerativi.

Nel corso della loro vita, le donne sperimentano livelli più elevati di malattie e disabilità rispetto agli uomini perché generalmente vivono più a lungo.

Leggi anche: Colpendo principalmente gli uomini, il Covid-19 sta riducendo il divario di genere?

Differenze di salute rispetto all’adolescenza

Negli ultimi 30 anni, il divario di genere nell’impatto di queste 20 patologie è rimasto generalmente stabile, ma a volte è aumentato, come nel caso del diabete, che secondo lo studio colpisce ancora più gli uomini di prima.

Nello stesso periodo, le alterazioni dovute a disturbi depressivi, ansia e ad alcuni disturbi muscolo-scheletrici che colpiscono le donne sono complessivamente aumentate in modo significativo.

Un’altra lezione: le differenze nella salute tra donne e uomini emergono fin dall’adolescenza.

“La sfida ora è progettare, implementare e valutare metodi di prevenzione e trattamento delle principali cause di morbilità e mortalità prematura che tengano conto del sesso e del genere, fin dalla tenera età e all’interno di popolazioni diverse”, secondo l’autore principale, Luisa Sorio Flor, dell’Università di Washington, ha citato in un comunicato stampa.

Lo studio presenta diversi limiti, riconoscono i suoi autori, citando in particolare la quantità e la qualità di alcuni dati o le distorsioni sistemiche nei dati epidemiologici. Poiché l’obiettivo era quello di facilitare i confronti, i ricercatori hanno escluso anche patologie specifiche delle donne e degli uomini, come le malattie ginecologiche e il cancro alla prostata.

-

PREV Salute. Grandi differenze tra donne e uomini quando si tratta di malattie
NEXT La prevenzione cardiovascolare in una conferenza a Vic-Fezensac