Il metodo di rilevamento del cancro del colon-retto può essere perfezionato (studio)

Il metodo di rilevamento del cancro del colon-retto può essere perfezionato (studio)
Il metodo di rilevamento del cancro del colon-retto può essere perfezionato (studio)
-

L’attuale metodo per individuare il cancro del colon-retto può essere perfezionato grazie a un nuovo importante studio condotto dal “Progetto Vlaams Darmflora”. Questo studio è stato pubblicato lunedì sulla rivista scientifica Nature Medicine. Sembra che il “fusobacterium nucleatum”, un batterio attualmente utilizzato come indicatore del cancro del colon-retto, abbia scarso valore diagnostico nello sviluppo del cancro.

Negli ultimi anni il “Progetto Vlaams Darmflora”, guidato dai ricercatori della VIB-KU Leuven, ha raccolto campioni di feci di oltre 5.000 volontari sani. In un nuovo progetto, hanno collaborato con ricercatori dell’UZ Leuven, dell’AMC e della Janssen Pharmaceutica per identificare i batteri che potrebbero indicare lo sviluppo del cancro del colon-retto. In questo studio sono stati analizzati campioni di 589 pazienti di Lovanio con diversi stadi di cancro del colon-retto e confrontati con migliaia di campioni del progetto “Vlaams darmflora” e dati di oltre 4.000 campioni di studi precedenti sul cancro del colon-retto.

Per la loro analisi, i ricercatori hanno preso in considerazione anche altri fattori che influenzano l’ambiente intestinale. È noto infatti che alcuni parametri influenzano anche la flora intestinale. I risultati gettano nuova luce sullo screening del cancro del colon-retto. Sembra che il “fusobacterium nucleatum”, un batterio attualmente utilizzato come indicatore del cancro del colon-retto, abbia scarso valore diagnostico nello sviluppo del cancro. Altri batteri, finora non utilizzati, mostrano invece un chiaro legame.

“A volte un batterio sembra essere collegato al cancro del colon-retto, quando in realtà è associato alla presenza di diarrea o infiammazione intestinale”, spiega il professor Jeroen Raes, capogruppo del VIB-KULeuven. “Tenendo conto di tutti questi fattori nel nostro studio , siamo stati in grado di identificare in modo molto preciso i segnali giusti.”

I risultati dello studio potrebbero avere importanti implicazioni per la diagnosi precoce ed efficace del cancro del colon-retto. “Lo screening per il cancro del colon-retto è molto importante, ma a causa dell’elevato costo delle colonscopie, non è possibile eseguirlo su tutti”, afferma la professoressa Sabine Tejpar, gastroenterologa e responsabile dell’oncologia digestiva all’UZ Leuven. “I test delle feci sono facili ed economici: più sono accurati, prima possono essere applicati.”

L’accesso a tutte le funzionalità è riservato agli operatori sanitari.

Se sei un operatore sanitario devi effettuare il login o registrarti gratuitamente sul nostro sito per accedere a tutti i nostri contenuti.
Se sei un giornalista o desideri informarci, scrivici a [email protected].

-

PREV “Non restare soli di fronte alla malattia”
NEXT “Senza Tramadol non riesco più a calmarmi”: prescritto troppo facilmente, questo antidolorifico, lungi dall’essere innocuo, crea dipendenza in molti belgi