Bruciore di stomaco e reflusso: cambiare routine può dare un sollievo efficace!

Bruciore di stomaco e reflusso: cambiare routine può dare un sollievo efficace!
Bruciore di stomaco e reflusso: cambiare routine può dare un sollievo efficace!
-

La malattia da reflusso gastroesofageo o GERD colpisce un francese su cinque

Bruciore di stomaco, reflusso acido e persino tosse notturna sono i sintomi principali.

Ciao! La Matinale TF1, Vincent Valinducq ci dà consigli per calmare il fuoco interiore.

Segui la copertura completa

Buongiorno ! Il mattino TF1

Un francese su cinque soffre di problemi di bruciore di stomaco. Questo è il sintomo più comune ed evidente del reflusso gastrico esofageo (GERD). Altri segni accompagnano questa patologia, vale a dire il reflusso acido e il rigurgito. Questi sintomi sono accentuati quando si è in posizione inclinata o sdraiata. Ce lo spiega Vincent Valinducq, in Hello! La Matinale TF1, come alleviare quel bruciore di stomaco.

  • Leggi anche

    Bruciore di stomaco, crampi: come limitarne gli effetti indesiderati?

Cos’è il reflusso gastrico esofageo?

Una malattia comune che colpisce tra il 10 e il 20% della popolazione, la GERD è caratterizzata dal passaggio intermittente o permanente di parte del contenuto acido dello stomaco nell’esofago. Le persone con questa condizione avvertono bruciore di stomaco, ma a volte il GERD è meno evidente. Infatti, può manifestarsi come tosse notturna, gola irritata o alterazione della voce, rendendo la malattia più difficile da identificare. Si tratta di un problema dell’esofago inferiore: lo sfintere interno funziona meno bene e non ha più la capacità di bloccare il contenuto acido. Le ustioni possono essere temporanee o croniche.

Come calmare il bruciore di stomaco?

Spesso questi reflussi acidi sono causati da pasti troppo abbondanti. In questi casi è consigliabile frazionare il pranzo o la cena per permettere allo stomaco di lavorare meglio e digerire meglio. Gli alimenti possono causare bruciore di stomaco. Cerchiamo quindi di identificare i prodotti troppo irritanti, come i salumi, il cioccolato o i pomodori.

Camminare ha molte virtù. In particolare aiuta il sistema digestivo a rimettersi in moto e favorisce lo svuotamento gastrico. A volte masticare una gomma dopo un pasto aiuta anche a produrre più saliva, e la saliva è importante per la digestione. E sì, il processo inizia in bocca.

Per evitare il bruciore di stomaco, curiamo la nostra alimentazione e il nostro stile di vita: mangiamo una dieta equilibrata, né troppo dolce né troppo salata. Si consiglia inoltre di smettere di fumare e di ridurre l’alcol. Questi sono lungi dall’essere amici del nostro sistema digestivo e della nostra salute in generale. Infine, impariamo a mangiare presto e a non andare a letto subito dopo aver finito di cenare. Si consiglia infatti di attendere tre ore prima di scivolare tra le braccia di Morfeo. Inoltre, non esitiamo ad alzare il materasso in corrispondenza della testata del letto per inclinare il corpo e prevenire il reflusso acido.

Quando dovresti consultare il tuo medico?

Se il GERD è episodico ed è il risultato di un pasto troppo ricco o troppo grasso, non c’è motivo di preoccuparsi. Quando invece le ustioni sono dolorose, frequenti e ci sono origini familiari, è preferibile rivolgersi al medico. Questo può prescrivere gli IPP (inibitori della pompa protonica) per ridurre la secrezione di acido gastrico. Può anche richiedere esami di laboratorio o rivolgersi ad un gastroenterologo per effettuare una fibroscopia per ricercare eventuali patologie.


Sabine BOUCHOUL Cronaca: Vincent Valinducq

-

NEXT Aperto all’ospedale universitario di Amiens un consulto “patologie pediatriche e pesticidi”.