Nel Regno Unito, debutto molto fiducioso di Keir Starmer a capo del governo

-

Pubblicato il 9 luglio 2024 alle 20:40 / Modificato il 9 luglio 2024 alle 20:42

Ah, la Camera dei Comuni e le sue strane tradizioni… I neoeletti deputati del Regno Unito alle elezioni generali di giovedì si sono riuniti per la prima volta martedì pomeriggio. Come in ogni nuovo parlamento, il presidente (“presidente”) della Camera ha finto di essere trascinato al suo posto, accettandolo solo dietro insistenza teatrale dei suoi colleghi. Hanno parlato il “papà” e la “madre” della Camera (i due deputati più anziani), inondandolo di elogi. Tutti i parlamentari si sono poi recati alla Camera dei Lord per ricevere “l’approvazione reale”. “Sua Maestà è profondamente sensibile al vostro zelo per il servizio pubblico”, assicurò con la massima serietà l’emissario reale, vestito con il suo strano abbigliamento… Ciascuno degli eletti prestò giuramento. Gli affari potrebbero iniziare.

Dopo quattordici anni di opposizione, nel Regno Unito il partito laburista è al potere. I conservatori si trovano a destra della Camera dei Comuni e i loro ranghi sono molto ridotti. Negli ultimi posti è comparso un certo Nigel Farage, leader di estrema destra del partito Reform UK, dopo essere stato eletto deputato per la prima volta.

Tutte le novità a portata di mano!

Per soli CHF 29.- al mese avrai accesso illimitato a tutti i nostri articoli. Approfitta della nostra offerta speciale: il primo mese a soli CHF 9!

SOTTOSCRIVI

Buoni motivi per abbonarsi a Le Temps:
  • Accesso illimitato a tutti i contenuti disponibili sul sito.
  • Accesso illimitato a tutti i contenuti disponibili sull’applicazione mobile
  • Piano di condivisione di 5 articoli al mese
  • Consultazione della versione digitale del quotidiano dalle ore 22.00 del giorno precedente
  • Accesso agli integratori e a T, la rivista Temps, in formato e-paper
  • Accesso ad una serie di vantaggi esclusivi riservati agli abbonati

Sei già abbonato?
Per accedere

-

PREV 12 DONNE AGGREDITE A KAFOUNTINE
NEXT Gli azzurri sfidano la furia spagnola