Elezioni suppletive a Toronto-St. Paolo | Un progresso liberale, ma dall’esito incerto

Elezioni suppletive a Toronto-St. Paolo | Un progresso liberale, ma dall’esito incerto
Elezioni suppletive a Toronto-St. Paolo | Un progresso liberale, ma dall’esito incerto
-

(Ottawa) La candidata del partito liberale Leslie Church ha avuto un leggero vantaggio lunedì sera nella conferenza Toronto-St. Di Paul. Si tratta di risultati frammentari, poiché il conteggio dei voti è stato laborioso.



Aggiornato alle 00:03

I risultati dello scrutinio suppletivo sono arrivati ​​alla spicciolata, soprattutto a causa dell’elevato numero di candidati. Erano 84 in totale, con dozzine registrate come indipendenti per il Comitato per la votazione più lunga, un gruppo che sfida l’attuale sistema di voto.

Al momento della pubblicazione di queste righe, intorno alle 23.50, la candidata liberale, ex capo di gabinetto dei ministri Mélanie Joly e Chrystia Freeland, era di poco meno di un metro di vantaggio rispetto al suo avversario conservatore Don Stewart, del mondo finanziario. 700 voti, di cui circa il 43% delle schede scrutinate.

La cavalcata di Toronto-St. Paul’s, roccaforte liberale dal 1993, era rappresentato a Ottawa da Carolyn Bennett dal 1997. Fatta eccezione per una vittoria di misura nel 2011 (8,2%), l’ex ministro ha sempre fatto molto bene, con margini che oscillano tra il 23,8% (2008) e il 38%. % (2004).

Lo scorso gennaio Justin Trudeau l’ha nominata ambasciatrice canadese in Danimarca, poiché lei non aveva intenzione di candidarsi per un mandato alle prossime elezioni federali – da qui le elezioni suppletive che hanno fatto sudare freddo i liberali.

Prossimo incontro: Montreal

Un’altra prova attende il Partito Liberale nei prossimi mesi, quando si terranno le elezioni suppletive nel distretto di LaSalle-Émard-Verdun, vacante dopo le dimissioni dell’ex ministro della Giustizia David Lametti lo scorso febbraio.

La nomina liberale non è ancora avvenuta; alcuni contendenti sono in corsa.

Tra i Nuovi Democratici, il consigliere comunale indipendente Craig Sauvé è stato scelto come portacolori. Martedì è previsto anche che faccia una passeggiata a Wellington Street insieme al capo Jagmeet Singh e al vice capo Alexandre Boulerice.

Potrebbe essere più facile qui che a Toronto-St. Paul’s, specialista in indagini di progetti Philippe J. Fournier, dal sito 338Canada. “Il voto è diviso. L’NDP e il Blocco dovrebbero facilmente avere il 20% ciascuno, così i liberali potrebbero vincere con il 36% dei voti, per esempio”, dice.

La data delle elezioni suppletive a LaSalle—Émard—Verdun dovrà essere annunciata entro il 30 luglio. Secondo le regole di Elections Canada, la votazione deve avvenire di lunedì, almeno 36 giorni e non oltre 50 giorni dopo l’indizione della votazione parziale.

-

PREV Emmanuel Macron passa come un’ombra al vertice di Washington
NEXT Di fronte alla stampa, un Biden combattivo e goffo