Queste sette abitudini possono ridurre la tua aspettativa di vita, c’è ancora tempo per sbarazzartene – Edizione serale Ouest-France

Queste sette abitudini possono ridurre la tua aspettativa di vita, c’è ancora tempo per sbarazzartene – Edizione serale Ouest-France
Queste sette abitudini possono ridurre la tua aspettativa di vita, c’è ancora tempo per sbarazzartene – Edizione serale Ouest-France
-

Entro l’edizione serale.

Il fumo, una dieta sbilanciata, uno stile di vita sedentario e il consumo di alcol sono i fattori legati allo stile di vita che incidono maggiormente sulla salute e sulla mortalità. Ecco sette cattive abitudini da bandire o limitare quotidianamente, per sperare di vivere a lungo e mantenersi in forma.

In Francia l’aspettativa di vita è in aumento. A 65 anni, un uomo può aspettarsi di vivere altri 10,2 anni senza essere limitato nelle attività della vita quotidiana, e una donna 11,8 anni, secondo le statistiche del Drees (Direzione degli studi e delle statistiche dei ministeri sociali), pubblicate nel dicembre 2023, sulla base di dati al 2022. Per mantenere questa longevità in buona salute, o addirittura prolungarla – senza rinunciare a tutto ciò che rende la vita così speciale – ecco sette cattive abitudini da bandire e altrettanti comportamenti sani da adottare. Tienilo presente: il fumo, le diete poco salutari, l’inattività fisica e il consumo di alcol sono i fattori legati allo stile di vita che hanno il maggiore impatto sulla salute e sulla mortalità, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Leggi anche: Queste sette abitudini giapponesi possono migliorare la tua salute e la tua longevità

1. Non mangiare a caso

Uno dei segreti della longevità si trova nei nostri piatti. Una buona alimentazione è infatti decisiva per mantenersi in buona salute, mentre circa un decesso su cinque nel mondo (ovvero 11 milioni all’anno) è legato a una cattiva alimentazione, secondo un ampio studio internazionale pubblicato nel 2017 sulla rivista La Lancetta. La causa: eccesso di sale, zucchero o carne e assunzione insufficiente di cereali integrali e frutta.

Leggi anche: Come diventare centenario? Mangiando fagioli!

Mangiare più sano, vale a dire adottare una dieta che privilegi legumi, frutta e verdura, noci, cereali integrali e che sia povera di carne, potrebbe quindi allungare la vita di un adulto di età media di sei-sette anni, secondo ad uno studio pubblicato nel febbraio 2022 sulla rivista scientifica Medicina PLOS.

Dobbiamo però saper adattare ciò che mettiamo nei piatti nel corso della nostra vita. A 10, 20, 40 o 60 anni il nostro corpo non ha le stesse esigenze nutrizionali. È quindi importante adottare buone abitudini e modificare la propria dieta man mano che si invecchia.

Leggi anche: I consigli nutrizionali dei centenari non sono necessariamente buoni da seguire, ecco perché

2. Alcol e tabacco da evitare

I francesi sottovalutano ampiamente i rischi legati al consumo di tabacco e alcol, anche se queste sono le due principali cause di cancro nel mondo. Per la vostra salute, però, vale la pena smettere di fumare. Quando si smette di fumare, dopo un anno, i rischi di malattie legate al fumo cominciano a scomparire e il rischio di infarto si dimezza. “Dopo cinque anni il rischio di infarto è pari a quello di una persona che non ha mai fumato” stima uno specialista del tabacco. Tra dieci e venti anni dopo l’ultima sigaretta, un ex fumatore può sperare di ritornare ad un’aspettativa di vita equivalente a quella di una persona che non ha mai fumato.

Leggi anche: Cosa succede al tuo fegato quando smetti di bere alcolici?

Per quanto riguarda l’alcol, il suo consumo è responsabile della morte di oltre 40.000 persone ogni anno in Francia, secondo l’agenzia Public Health France. Quasi una persona su quattro consuma troppo alcol nel nostro Paese, che rappresenta circa 10,5 milioni di adulti. Public Health France raccomanda due bicchieri al giorno al massimo, e non tutti i giorni.

I francesi sottovalutano ampiamente i rischi associati al consumo di alcol. (Foto illustrativa: Franck Dubray/Archivio Ouest-France)

3. Evita di essere troppo sedentario

L’esercizio fisico regolare è un’altra chiave per la longevità. Gli adulti che praticano molto sport e svolgono un buon livello di attività fisica quotidiana riducono il rischio di morte prematura del 34% rispetto a coloro che non praticano mai – o raramente – tali attività. Per ridurre il rischio di malattie cardiache, diabete di tipo 2, cancro e una serie di altre malattie croniche, l’OMS raccomanda agli adulti e agli anziani di svolgere attività fisica per almeno 2,5 ore al giorno.

Leggi anche: Per restare in forma, quale sport praticare e a che età?

A seconda dei tuoi gusti, puoi scegliere un’attività sportiva economica e di facile accesso, cercando di ridurre al minimo il rischio di infortuni. Puoi optare ad esempio per lo yoga che ti permette di rilassarti e rafforzare il tuo sistema immunitario. O anche per il giardinaggio. Questa attività svolgerebbe un ruolo importante nella prevenzione dei rischi di malattie croniche e tumori. Il giardinaggio aumenterebbe notevolmente l’attività fisica e ridurrebbe lo stress e l’ansia, secondo uno studio scientifico americano, pubblicato nel gennaio 2023 sulla rivista La Lancetta della Salute Planetaria.

Leggi anche: Dovresti fare 4.000, 8.000 o 10.000 passi al giorno? Questo nuovo studio risolve il dibattito

4. Non addormentarti più in modo casuale

Un sonno regolare e di qualità è uno dei fondamenti per vivere più a lungo in buona salute. Al contrario, i disagi causati da un addormentamento incontrollato possono avere gravi conseguenze. Come addormentarsi sul divano, ad esempio… “Ciò favorisce l’obesità, il calo delle difese immunitarie, ci rende tristi e irritabili”, ricorda il dottor Marc Rey, presidente dell’Istituto nazionale del sonno e della vigilanza (INSV). Inoltre, i disturbi del sonno compromettono la vigilanza e la concentrazione. A livello fisico non recuperiamo abbastanza.

Leggi anche: La qualità del nostro sonno diminuisce con l’età, ecco come rimediare

5. Non bere troppo caffè

Il caffè dà energia e rende vigile, ma consumato in eccesso, questa bevanda può avere effetti negativi sulla salute. L’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (EFSA) raccomanda non più di 400 mg di caffeina al giorno per un adulto sano, l’equivalente di tre tazze di caffè al giorno.

Una raccomandazione fatta anche dal dottor Arnaud Cocaul, nutrizionista che consiglia ai suoi pazienti di rispettare queste dosi. Oltre a ciò, possono sorgere rischi cardiaci. “Sei espressi possono avere un effetto sulla tachicardia [trouble du rythme cardiaque entraînant une accélération du pouls au repos, N.D.L.R.] », assicura il medico.

Leggi anche : Quante tazze di caffè puoi bere al giorno senza mettere a rischio la tua salute?

6. Non essere solo

Mantenere una vita sociale, amicizie sincere, questo è un altro segreto della longevità. L’amicizia, che contribuisce al benessere e alla felicità, ha effetti diretti e molto concreti sul nostro sistema immunitario, e quindi sul nostro stato di salute. Come ? “L’aspetto relazionale ha un impatto sul sistema nervoso autonomo che ci permette di essere in buona salute”, ha spiegato Saverio Tomasella, neuropsicologo e autore di Queste amicizie che ci trasformano (Éditions Eyrolles, 2018) per un articolo sull’amicizia.

Leggi anche: Avere amici fa davvero bene alla salute, e lo dice la scienza

7. Smettila di rimuginare

La salute psicologica sarebbe un altro segreto della longevità e più in particolare quattro fattori: ottimismo, felicità, sostegno sociale e avere uno scopo o trovare un significato nella vita. Possiamo forse ispirarci alla filosofia di vita giapponese, l’ikigai. In questo Paese dove si vive più a lungo, gli anziani non smettono mai veramente di lavorare, trovando la felicità nell’utilità che possono avere per gli altri: trasmettere conoscenze ai giovani o prendersi cura dei nipoti e dei pronipoti.

Leggi anche: Come cogliere il lato positivo della vita? Questi cinque metodi si sono dimostrati validi in tutto il mondo

Questo significato può essere trovato anche nell’impegno per una causa particolare. Non esiste un unico metodo “chiavi in ​​mano” o una ricetta miracolosa per trovare il tuo ikigai. Devi scavare in profondità dentro te stesso ed essere onesto con te stesso per trovare ciò che ha senso.

-

NEXT Sabrina Agresti-Roubache, terza nella sua circoscrizione elettorale a Marsiglia, si ritira