SENEGAL-PELERINAGE-SANTE / Hajj: tasso di positività al coronavirus dal 20% al 60% tra i pellegrini di ritorno dall’Arabia Saudita (medico) – Agenzia di stampa senegalese

SENEGAL-PELERINAGE-SANTE / Hajj: tasso di positività al coronavirus dal 20% al 60% tra i pellegrini di ritorno dall’Arabia Saudita (medico) – Agenzia di stampa senegalese
SENEGAL-PELERINAGE-SANTE / Hajj: tasso di positività al coronavirus dal 20% al 60% tra i pellegrini di ritorno dall’Arabia Saudita (medico) – Agenzia di stampa senegalese
-

Diass (Mbour), 23 giugno (APS) – Tra i pellegrini di ritorno dai Luoghi Santi dell’Islam, a seconda dei voli, è stato diagnosticato un tasso di positività al coronavirus che varia tra il 20% e il 60%, ha detto domenica Charles Bernard Sagna, medico capo del servizio di controllo sanitario alle frontiere aeree di Blaise Aeroporto internazionale di Diagne (AIBD).

“Stiamo ricevendo attualmente i risultati dal laboratorio che effettua i test covid-19 e tra i pellegrini abbiamo un tasso compreso tra il 20% e il 60% di positività al coronavirus, a seconda dei voli di ritorno dai Luoghi Santi dell’Islam,” ‘, ha detto Sagna all’APS.

“Invito pertanto i pellegrini che partiranno da Jeddah in Arabia Saudita a indossare la mascherina prima di salire sui rispettivi aerei e a continuare ad indossarla, una volta in Senegal, all’interno della comunità e a casa, per prevenire la diffusione della malattia’ ‘ Egli ha detto.

“Invito i pellegrini di ritorno dalla Mecca a indossare maschere protettive per almeno due settimane”, ha insistito.

Secondo lui, “lo scopo di queste misure preventive contro questa malattia è evitare un’epidemia incontrollabile nel Paese”. “Ci sono quindi motivi per essere preoccupati per l’arrivo dei pellegrini nel Paese”, ha avvertito.

Ha precisato che per il momento sarà molto difficile per lui fornire una cifra esatta del numero di pellegrini positivi al coronavirus, poiché il laboratorio incaricato dei test lavora in sequenza e i risultati vengono compilati e inviati al Ministero della Salute, mentre arrivano.

”Quindi al momento, al mio livello, non posso dire esattamente il numero dei casi positivi. Posso solo dare il tasso di positività per volo”, ha aggiunto.

Il medico ha invitato i pellegrini di ritorno a rivolgersi alla struttura sanitaria più vicina, se purtroppo presentano febbre e difficoltà respiratorie.

Ha indicato che nell’hangar dei pellegrini dell’AIBD, dove arriva il maggior numero di pellegrini della Delegazione Generale di Pellegrinaggio, è attivo un sistema sanitario e squadre mobili si spostano sugli aerei per fornire maschere ai pellegrini.

“Abbiamo anche predisposto un sistema di emergenza che permette di occuparsi dei casi complicati non appena scendono dall’aereo (e) offriamo ai pellegrini la possibilità di essere testati”, ha spiegato ancora.

“Si tratta di una raccomandazione forte da parte delle autorità nel rispetto rigoroso delle regole comuni della vita nel paese, perché per noi dobbiamo evitare una contaminazione su larga scala nel paese”, ha insistito.

Il medico ha assicurato che i pellegrini potranno essere ulteriormente sottoposti a screening per il covid-19 e i sintomi della malattia.

Ad oggi l’AIBD ha registrato sette voli di ritorno dai luoghi santi dell’Islam in Arabia Saudita.

AB/ADI

-

PREV il governo si prepara a sospendere la legge sull’immigrazione
NEXT Montreal: smantellato l’accampamento di Victoria Square