I biglietti Vibiscum non saranno rimborsati, ma scambiabili in altri due festival – rts.ch

-

Due settimane fa, la cancellazione, per motivi finanziari, della 3a edizione del Vibiscum Festival a Vevey ha suscitato molto scalpore. Se gli organizzatori avevano dichiarato di non poter rimborsare i 9.000 biglietti già venduti, il suo fondatore e direttore William von Stockalper ha annunciato mercoledì a La Matinale che è stata trovata una soluzione di risarcimento per i frequentatori del festival.

Il Vibiscum Festival avrebbe dovuto iniziare questo giovedì sulla piazza del mercato di Vevey con una colorata serata hip-hop. Ma il 16 maggio la Fondazione Vibiscum Festival ha annunciato l’annullamento della sua terza edizione.

Dal triste annuncio della cancellazione della terza edizione di Vibiscum, io e i miei team abbiamo lavorato duramente per quattordici giorni per trovare una soluzione.

William von Stockalper, direttore e fondatore del Vibiscum Festival

Una cancellazione che ha fatto scalpore

Un annullamento che ha suscitato molto scalpore, soprattutto perché il festival di musica urbana ha subito rivelato di non essere in grado di rimborsare i circa 9.000 biglietti già venduti. Ma questo mercoledì a La Matinale, il suo direttore e fondatore Willam von Stockalper è lieto di annunciare una soluzione di compensazione per i possessori dei biglietti.

>>Leggi anche: Il festival Vibiscum non può rimborsare i biglietti “al momento”

“Dal triste annuncio della cancellazione della terza edizione di Vibiscum, io e i miei team abbiamo lavorato duramente per quattordici giorni per trovare una soluzione e oggi abbiamo la fortuna di avere due festival: lo Stars of Sounds Festival di Morat (da luglio 4-6) e l’Openair Fluo di Neuchâtel (31 agosto) – che si è rivolto a noi per risarcire la totalità dei biglietti dei nostri frequentatori del festival”, spiega.

E in entrambi i casi si tratta di scenari idilliaci in riva a un lago, scenari che ricordano quelli di Vevey

William von Stockalper, direttore e fondatore del Vibiscum Festival

Concretamente, i partecipanti al festival Vibiscum potranno scambiare gratuitamente il proprio biglietto con l’ingresso a uno di questi due festival, garantendo così a ciascun titolare del biglietto Vibiscum un posto nel proprio evento. E questo per ogni scambio effettuato da oggi al 20 giugno. Le condizioni pratiche per la realizzazione di questi scambi appaiono ora sul Sito web del Festival Vibiscum.

“Cornici che ricordano quella di Vevey”

L’Openair Fluo di Neuchâtel offre un’alternativa molto simile alla serata hip-hop che avrebbe dovuto svolgersi questo giovedì sulla piazza del mercato di Vevey, si rallegra il direttore del festival. Anche lo Stars of Sounds Festival di Morat con la sua ricca programmazione – tra cui Gotthard, Scorpions e Paul Kalkbrenner – delizierà un gran numero di persone, continua. “E in entrambi i casi si tratta di scenari idilliaci in riva al lago, scenari che ricordano quelli di Vevey.”

La priorità erano i frequentatori del festival. Nelle prossime settimane inizierà una discussione con i fornitori di servizi

I-biglietti-Vibiscum-non-saranno-rimbors

William von Stockalper, direttore e fondatore del Vibiscum Festival

“Questa soluzione è una buona soluzione, speriamo che soddisfi quante più persone possibile”, sottolinea l’imprenditore di Vevey. “Era davvero importante, data la situazione finanziaria della fondazione, poter offrire un’alternativa. Penso che quella che offriamo qui sia un’ottima alternativa.” E se i possessori dei biglietti non vogliono o non possono recarsi a Morat o Neuchâtel, resta convinto che potranno rivenderli agli amici che apprezzeranno la programmazione di questi festival.

E il futuro del festival? William von Stockalper entra in touche. “Per il momento possiamo dire che la Fondazione Vibiscum si trova in una situazione molto difficile. Molte cose restano da risolvere. La priorità erano i frequentatori del festival. Nelle prossime settimane inizierà una discussione con i fornitori.”

Commenti raccolti da Valérie Hauert

Adattamento web: Fabien Grenon

-

NEXT ecco come osservarli e fotografarli in Francia (cielo permettendo)