SENEGAL-SALUTE-PANDEMIA-TRATTAMENTO / ARV: queste le molecole che riducono l’AIDS a malattia cronica – Agenzia di stampa senegalese

-

Di Baboucar Thiam

Tambacounda, 22 mag. (APS) – La scoperta, alla fine degli anni ’90, degli antiretrovirali (ARV), un trattamento che combina tre molecole (triterapia), si è rivelata una benedizione per le persone affette da HIV, in particolare per i pazienti seguiti a Tambacounda Ospedale.

Un tempo considerata una condanna a morte, l’AIDS è oggi diventata, secondo i medici, una malattia cronica con evoluzione e miglioramento continuo delle cure.

Questo new deal basato sulla tripla terapia, una combinazione di tre molecole in un’unica capsula (tenofovir, lamivudina e dolutegravir), sembra essere una seconda possibilità, quella della sopravvivenza. Il portatore del virus, infatti, vive normalmente, rispettando bene le cure e rispettando scrupolosamente le indicazioni del proprio medico curante.

“All’inizio del trattamento della malattia, i pazienti assumevano le molecole in modo diverso, cioè abbiamo somministrato mattina e sera tre famiglie di molecole”, ha spiegato il responsabile del trattamento ai pazienti affetti da HIV dell’APS Ospedale regionale di Tambacounda.

Seduto alla sua scrivania situata nell’edificio dedicato alla medicina interna, il dottor Amadou Moctar Diouf mostra tutto il suo ottimismo riguardo all’evoluzione della cura dell’infezione da HIV. La nuova molecola dà risultati molto incoraggianti nella lotta contro l’HIV/AIDS, si rallegra il dottor Diouf.

“Oggi i pazienti, assumendo regolarmente i farmaci, riescono a ridurre la loro carica virale e a vivere come se non avessero mai avuto l’HIV”, afferma soddisfatto.

Vestito con un camice bianco e gesticolando di tanto in tanto con un ampio sorriso sul volto, il medico dichiara che con le nuove molecole la cura delle persone infette dal virus HIV è notevolmente migliorata.

Buona salute dopo sei mesi

”Dopo sei mesi di trattamento, il paziente è tornato in buona salute con progressi straordinari. È come se la persona non si fosse mai ammalata, perché siamo in grado di eliminarne il peso”, dice.

In questa fase, osserva, il numero di copie del virus HIV è inferiore a “1000 nel corpo”, con una buona adesione al trattamento.

Amadou Moctar Diouf sottolinea che all’inizio della malattia i pazienti hanno milioni di copie del virus nel loro corpo. Mais, après six mois de traitement régulier, à travers une prise régulière des médicaments, la charge virale devient inferieurs à 1000 copies, et le malade reprend sa vie, ses activités comme s’il n’était jamais tombé malade, témoigne-t- egli.

”Il nostro obiettivo è raggiungere una carica virale non rilevabile, vale a dire che il paziente abbia solo 50 copie di virus nel suo corpo. A questo livello di trattamento il paziente non può più trasmettere la malattia, a condizione che continui ad assumere normalmente i farmaci”, spiega.

Le molecole avevano molti effetti collaterali, con minore efficacia, e i pazienti assumevano tutte e tre le molecole mattina e sera separatamente, ha ricordato il medico, sottolineando che “era un trattamento pesante”.

Attualmente, prosegue, ”nell’ambito della cura, le molecole tenofovir, lamivudina e dolutegravir vengono combinate in un unico farmaco per ottenere tenofovir in più, con maggiore efficacia, minori effetti collaterali e risultati molto più soddisfacenti in termini di salute e benessere. essere, se il trattamento viene seguito alla lettera”.

“Con tenofovir plus le persone infette assumono solo una compressa al giorno”, sottolinea.

L’arrivo di dolutegravir ha rivoluzionato la cura dei pazienti, grazie all’efficacia di questa molecola. Tuttavia, “ci sono pazienti che non possono più assumere tenofovir”, osserva.

Se necessario, ”assumono dolutegravir isolato oltre alla lamivudina. Ma la maggior parte dei pazienti assume tenofovir plus, ad eccezione di casi particolari che vengono trattati senza tenofovir”, spiega.

Secondo lui, l’infezione da HIV/AIDS ha quattro fasi. È allo stadio quattro che il paziente viene “raggiunto” e dove tutte le sue manifestazioni cliniche sono evidenti, dice. Quindi è quasi incapace di muoversi o di prendersi cura di se stesso.

In questa fase, dice, ”è necessario assumere gli antiretrovirali con regolarità e rigore, per almeno sei mesi, per vedere la carica virale ridotta drasticamente (…)”. Successivamente bisogna “tendere all’eliminazione di questi ultimi rispettando sempre il dosaggio prescritto dal medico curante”, indica.

Oggi, se le istruzioni vengono rispettate, la cura contro l’HIV/AIDS si è evoluta così bene che la malattia sembra meno pericolosa di alcune malattie croniche, come il diabete e l’ictus, osserva.

Gli ex malati di HIV/AIDS vivono e svolgono correttamente le loro attività. Non possiamo distinguerli dalla popolazione generale, ”perché la cura è molto efficace”, insiste.

HIV/AIDS, “una malattia cronica come le altre”

”In passato i pazienti assumevano solo antibiotici. Successivamente sono comparsi i primi ARV. Abbiamo dovuto assumere quattro compresse di molecole diverse in due dosi giornaliere, mattina e sera, a volte con effetti collaterali gravi”, ricorda Coumba Dabo, mediatore dell’ospedale regionale di Tambacounda.

Con l’avvento della tripla terapia e di molecole molto più efficaci, dice, “se il paziente segue le prescrizioni del medico, guarisce e fa i fatti suoi”.

“Possono anche trovarsi in una coppia sierodiscordante, vale a dire quando uno dei partner è affetto dalla malattia, avere figli”, nota la mediatrice, sottolineando che la condizione per questa situazione sanitaria è il rispetto tutto il rigore legato al dosaggio degli ARV.

Attualmente, nota, i pazienti assumono solo una compressa al giorno e ad orari prestabiliti, e questo significa che “la carica virale diventa non rilevabile”.

“In passato”, ricorda, “le donne che partorivano non potevano allattare i propri figli correndo il rischio di contaminarli, e i neonati prendevano solo il biberon”.

Assicura che ”è grazie a queste nuove molecole che è possibile per le donne affette dal virus restare in una relazione, avere figli, partorire e infine allattare i propri bambini fino all’età di un anno, svezzarli senza alcuna contaminazione”.

”Oggi l’HIV/AIDS è una malattia cronica come tutte le altre. E se la cura viene davvero rispettata, l’Aids è molto meno pericoloso di altre malattie croniche, perché ci si può sposare, avere figli e godersi la vita”, sostiene.

Suggerisce tuttavia di bandire espressioni come “malato di Aids” dal vocabolario della stampa, ricordando che un malato che assume correttamente la cura diventa un semplice portatore del virus.

In definitiva, si chiede di umanizzare il campo lessicale attorno a questa malattia, per evitare di spaventare le popolazioni a tal punto che finirebbero per rifiutarsi di sottoporsi a uno screening per conoscere il proprio status e adottare le misure necessarie per impedirne il controllo sulla propria vita.

BT/SKS/ASB/OID

-

NEXT ecco come osservarli e fotografarli in Francia (cielo permettendo)