Israele e Hamas in guerra, giorno 222 | I palestinesi fuggono da Rafah nel 76° anniversario della Nakba

Israele e Hamas in guerra, giorno 222 | I palestinesi fuggono da Rafah nel 76° anniversario della Nakba
Israele e Hamas in guerra, giorno 222 | I palestinesi fuggono da Rafah nel 76° anniversario della Nakba
-

(Rafah) Migliaia di civili continuano a fuggire mercoledì dalla città di Rafah, bombardata da Israele e minacciata di una grande offensiva di terra, nel giorno in cui i palestinesi commemorano la “Nakba” o “Catastrofe”, in riferimento al loro esodo forzato durante il creazione di Israele nel 1948.


Inserito alle 6:32

Aggiornato alle 7:46

Cosa c’è da sapere

  • Mercoledì i palestinesi celebrano l’anniversario della Nakba, la “Catastrofe” che per loro ha rappresentato la creazione di Israele;
  • Secondo Benjamin Netanyahu, a Rafah non c’è alcuna “catastrofe umanitaria”;
  • Il Ministero della Sanità di Hamas annuncia il nuovo bilancio delle vittime a Gaza a 35.233;
  • Martedì il capo delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha chiesto “la riapertura immediata” del valico di Rafah.

Mentre i bombardamenti e i combattimenti mortali non danno tregua nella Striscia di Gaza assediata e devastata dalla guerra, la popolazione, sfollata più volte dall’inizio della guerra, è ancora una volta sulle strade alla ricerca di rifugio, anche se “non c’è posto sicuro a Gaza”, secondo l’ONU.

Nell’ottavo mese di guerra, iniziata il 7 ottobre con un attacco senza precedenti sul suolo israeliano da parte di Hamas palestinese, nella Striscia di Gaza sono morte 35.233 persone, principalmente civili, secondo il Ministero della Sanità di Hamas.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso di annientare il movimento islamico palestinese che ha preso il potere a Gaza nel 2007 e che considera un’organizzazione terroristica insieme agli Stati Uniti e all’Unione europea.

Per fare questo è deciso a lanciare una grande offensiva terrestre a Rafah, all’estremità meridionale del piccolo territorio palestinese, dove secondo lui sono trincerati gli ultimi battaglioni di Hamas.

Preoccupati per la popolazione civile, gli Stati Uniti, come gran parte della comunità internazionale, si oppongono a tale offensiva in questa città situata al confine egiziano, dove sono ammassate centinaia di migliaia di sfollati.

Nessuna “catastrofe” secondo Netanyahu

Netanyahu ritiene che “la catastrofe umanitaria” a Rafah sia stata evitata da Israele, che dal 7 maggio ha condotto un’operazione militare nella città.

“Finora, quasi mezzo milione di persone hanno evacuato la zona dei combattimenti a Rafah. La catastrofe umanitaria di cui abbiamo parlato non è avvenuta e non accadrà”, ha assicurato in un comunicato stampa.

L’ONU stima che quasi 450.000 persone siano state “sfollate con la forza” da quando l’esercito israeliano ha ordinato ai civili di lasciare le zone orientali di Rafah il 6 maggio.

Il presidente Joe Biden ha minacciato una settimana fa di limitare gli aiuti militari americani al suo alleato a causa delle preoccupazioni per una grande offensiva a Rafah. Ma l’esecutivo americano ha notificato martedì al Congresso che avrebbe fornito armi a Israele per circa un miliardo di dollari, ha appreso l’AFP da fonti vicine alla questione.

In un’intervista al canale americano CNBC, il primo ministro israeliano ha riconosciuto un “disaccordo” con il suo alleato americano “su Gaza. Piuttosto su Rafah”.

“Ma dobbiamo fare quello che dobbiamo fare”, ha detto Netanyahu. “Non possiamo permettere ad Hamas di riprendere Gaza”.

Mercoledì l’Unione Europea, da parte sua, ha esortato Israele a “cessare immediatamente” le sue operazioni a Rafah, altrimenti “metterebbe a dura prova” i suoi rapporti con l’UE.

“La continua sofferenza di milioni di rifugiati in Palestina e nella diaspora è direttamente causata dall’occupazione sionista. Il loro legittimo diritto al ritorno […] non si può scendere a compromessi”, ha affermato Hamas in occasione delle commemorazioni della Nakba.

Durante la “Nakba”, circa 760.000 arabi palestinesi furono costretti all’esilio e si rifugiarono nei paesi vicini o in quelle che sarebbero diventate la Cisgiordania e la Striscia di Gaza, secondo le Nazioni Unite.

Combattimenti “intensi”.

Sul posto, giornalisti e testimoni dell’AFP hanno riferito di attacchi aerei, bombardamenti di artiglieria e combattimenti durante la notte e la mattina a Rafah (sud), Jabalia (nord) e nel quartiere di Zeitoun, nel sud della città settentrionale di Gaza.

Il braccio armato di Hamas, le Brigate Ezzedine al-Qassam, hanno confermato scontri con le forze israeliane nel campo di Jabalia. Anche l’esercito israeliano ha riferito di combattimenti “intensi” in questa città, affermando di aver ucciso “un gran numero di terroristi”.

I combattimenti si svolgono anche in “settori specifici” della parte orientale di Rafah, con l’esercito che indica di aver effettuato un’operazione contro un centro di addestramento di Hamas.

A Bureij, nel centro della Striscia di Gaza, Khairi Al-Kunz custodisce il corpo di sua nipote, uccisa in un bombardamento. “È una bambina innocente […], non ha nulla a che fare con quello che sta succedendo, perché questi criminali l’hanno uccisa? »

L’attacco di Hamas effettuato nel sud di Israele il 7 ottobre ha provocato la morte di oltre 1.170 persone, per lo più civili, secondo un rapporto dell’AFP basato su dati ufficiali israeliani. Secondo l’esercito, più di 250 persone sono state rapite durante l’attacco e 128 rimangono prigioniere a Gaza, di cui si ritiene che 36 siano morte.

Aiuto bloccato

Entrando a Rafah con i carri armati il ​​7 maggio, l’esercito israeliano è ancora schierato sul lato palestinese del valico con l’Egitto, cruciale per portare carburante, essenziale per il funzionamento delle infrastrutture e della logistica umanitaria.

Da allora non è più entrato nulla attraverso Rafah, con Egitto e Israele che si sono scambiati reciprocamente la responsabilità. Gli aiuti umanitari sono bloccati anche al principale punto di passaggio con Israele, Kerem Shalom.

Martedì il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha chiesto “la riapertura immediata” del valico di Rafah e la “consegna senza ostacoli degli aiuti umanitari”.

Nella Cisgiordania occupata, migliaia di palestinesi hanno marciato mercoledì, in particolare nelle città di Ramallah, Nablus e Hebron, per commemorare la “Nakba”.

L’agenzia ufficiale palestinese Wafa ha riferito che uno studente di 20 anni “è stato ferito a morte al collo da un proiettile” durante gli scontri all’ingresso della città di al-Bireh, vicino a Ramallah, tra le forze israeliane e i giovani che marciavano per questo. anniversario. Israele non ha avuto commenti immediati.

-

PREV L’UE chiede a Israele di fermare l’offensiva di Rafah – DW – 15/05/2024
NEXT è morto il gendarme ferito da colpi di arma da fuoco